Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Raiperunanotte: 13% di share. Governo prova vanamente a sminuire, ma verità è che evento ha dimostrato che equilibri tv con Internet possono cambiare da subito
"E' avvenuto un terremoto di proporzioni stratosferiche. Gli strumenti di rilevazione ufficiale ci dicono che è avvenuto ma per avere contezza delle proporzioni della cosa, soprattutto sul web, c'è bisogno di tempo".
Così Michele Santoro commenta il successo di "Raiperunanotte", la serata evento organizzata dalla Fnsi con il conduttore, la redazione di 'Annozero' e numerosi ospiti al Paladozza di Bologna, stracolmo per l’occasione. La manifestazione, secondo i primi dati Auditel resi noti dallo stesso Santoro, ha ottenuto oltre il 13% di share. L'evento è stato trasmesso in diretta sulla piattaforma satellitare Sky da Current e da Sky Tg24 e sul digitale, in differita, da RaiNews24, ma ha avuto grande riscontro anche sul web, dove è stato trasmesso in diretta da diversi siti d'informazione come il Tg3 (che ha reso noto di aver avuto 700.000 accessi e oltre 500 messaggi di sostegno) e Repubblica Tv. Leggendo gli stessi dati, secondo il giornalista, Rai e Mediaset avrebbero perso ieri sera circa 10 punti di share. Secondo Santoro, insomma, "si profila un risultato straordinario". Completamente diversi i dati diffusi dalla Rai, secondo cui la serata al Paladozza sarebbe stata seguita su Sky Tg24 da 450mila telespettatori, pari al 2,03% di share. Come conferma anche il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone: "La serata di ieri si è risolta in un poderoso flop per Michele Santoro, battuto perfino dalle vituperate tribune-conferenze stampa Rai, che hanno ottenuto il 3%. Poi Santoro cercherà di affastellare numeri, di sommare mele e pere. Ma le chiacchiere stanno a zero. E questi numeri danno il senso di una trasmissione non solo violenta, ma anche fallimentare". Duro il commento del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi: "Ritengo che molti telespettaori, guardando questa manifestazione, abbiano tratto delle conclusioni nella direzione opposta a quelli che erano gli intendimenti dei protagonisti di questo lugubre 'Carro di Tespi' che viene portato in giro in diverse città". Ieri sera Santoro, Travaglio, Floris, Lerner, Iacona e Ruotolo sono stati accolti al Paladozza di Bologna da vere e proprie ovazioni, standing ovation per Daniele Luttazzi e Roberto Benigni. Tema cruciale, la libertà di informazione e il no alla censura, "dopo le pressioni del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, per far chiudere ‘Annozero’ così come emerso dalle intercettazioni entrate nell'inchiesta di Trani. Non siamo al fascismo ma certe assonanze preoccupano'', ha detto il conduttore in apertura.  La serata ha scaldato le circa 200 piazze in cui sono state allestiti dei maxischermi per assistere alla manifestazione, e sul web è stato un trionfo. ''Con 120mila utenti unici - ha annunciato Santoro - è il più grande evento sul web nella storia italiana''. (Adnkronos)
26/03/2010 17:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
Presentate il 18/01 a Londra le Linee guida di sviluppo Mediaset: atteso al 2020 un miglioramento dell'EBIT di 468 milioni nelle attività media italiane. Raccolta pubblicitaria 2016 in crescita del 4,0%.
Un nuovo comunicato stampa telegrafico della francese Vivendi annuncia il raggiungimento di quel 20% del capitale Mediaset che era l’obiettivo annunciato del gruppo solo tre giorni fa; adesso, la media company guidata da Vincent Bolloré, può entrare nel cda del Biscione.
Pollice verso per Michele Santoro da parte del Tribunale di Milano che respinge l’appello del giornalista contro la condanna risalente al 29 maggio 2015 e che lo obbligava a risarcire per 30mila euro complessivi Mediaset per diffamazione.