Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Restyling per L’Espresso: oltre a rinnovate pagine di Repubblica.it e Deejay.it, esordisce National Geographic
Il gruppo editoriale l’Espresso ha presentato un nuovo stile per i siti internet di Repubblica.it e Deejay.it, nonché altre novità relative agli altri siti web del gruppo e ai servizi per la telefonia mobile.
L’occasione è stata una kermesse milanese tenutasi recentemente alle Officine del Volo in cui la Manzoni & C. e il Gruppo Editoriale L’Espresso hanno presentato, ad un pubblico di circa 400 investitori pubblicitari, “Il mondo digitale de la Repubblica e DeeJay”. Già da ieri è, infatti, possibile visualizzare la nuova firma dei web di Repubblica e Deejay, mentre da settimana prossima si potrà visualizzare la versione inedita web del mensile National Geographic (prima in Europa). A fine maggio approderà sul web il nuovo settimanale L’Espresso, mentre entro fine anno saranno rinnovati tutti i siti internet dei quotidiani locali che fanno capo alla società editoriale Finefgil – sempre del gruppo editoriale l’espresso. Il cambiamento è sentito e dovuto, oltre che per un sempre maggiore utilizzo di internet, anche in vista della crescente diffusione delle nuove tecnologie connesse a smartphone e tablet pc. Massimo Russo, direttore di Kataweb (la società che cura l’area internet del gruppo), evidenzia la nuova concezione del web di L’Espresso, improntata su contenuti dedicati, sviluppati appositamente per il web, nonché su un maggiore numero di reportage fotografici di qualità, relativi ai settori della moda, degli stili di vita e del cibo. Il condirettore di Repubblica.it puntualizza che non si vuole operare un cambiamento radicale del marchio, ma modificarlo al fine di migliorarlo e dare, in particolare, maggiore evidenza a foto e video. Secondo Roberto Binagli, vicedirettore generale di Manzoni, “i nostri restyling e le operazioni su mobile vogliono portare i clienti ad approfondire, ad immergersi nel web” per invogliarli alla navigazione. (M.C. per NL)
22/04/2010 14:28
 
NOTIZIE CORRELATE
Mediaset ha già travolto il mercato radiofonico italiano: un settore che dà continui segni di stanchezza sia nell’approdo in nuove tecnologie che da un punto d’invecchiamento dell’utenza e assenza di un ricambio generazionale nella produzione. Tutte queste problematiche sembrano convergere su di una causa comune: il web.
Gira e gira, i player sono sempre quelli e quindi Radio Italia, abbandonata per imposizione dell'Antitrust, Mediamond, la concessionaria captive di Mediaset e conclusa senza un nulla di fatto la lunga trattativa con Discovery (si dice perché il gruppo americano volesse anche partecipare al capitale della radio), torna da Manzoni, polo L'Espresso, editore di Radio Dee Jay, Capital ed m2o (la raccolta della tv di Volanti sarà invece appannaggio di Viacom Advertising & Brand Solutions, la concessionaria di Viacom Italia).
Diventa sempre più faticoso seguire Mediaset fra un tribunale e l’altro. Infatti, se da un lato, a Milano, l’udienza con i francesi di Vivendi per la vicenda Premium è stata rimandata, il gruppo di Cologno ha ottenuto un verdetto di primo grado favorevole a Roma contro il gruppo l’Espresso, condannato a risarcirli per 250mila euro.
Nonostante le amorevoli cure del gruppo Discovery Italia, il canale Nove (ex Deejay Tv) continua a subire notevoli perdite. Lo ammette lo stesso broadcaster americano.
Nuovo polo editoriale da 750 mln di ricavi 800 mila copie diffuse in arrivo a seguito dell’acquisizione da parte di Espresso di Itedi; difficile identificare con certezza le ragioni dell’operazione. Ora la palla passa alle autorità per verificare eventuali minacce alla concorrenza.