Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Rilevazioni ascolti tv: dopo le schermaglie, Sky pronto all’ingresso nel capitale di Auditel
Le schermaglie con Auditel non avranno mai fine. Questa volta è il turno di Sky che avrebbe più volte denunciato squilibri nell’assetto della governance della società di rilevazione degli ascolti, attualmente controllata, tra gli altri, da Rai al 26,67% e Mediaset al 33%.
Naturalmente la questione era il presunto sbilanciamento di Auditel nei confronti dei due tradizionali poli televisivi italiani, problema che era sfociato, lo scorso novembre, in una denuncia fatta dalla tv della News Corporation all’Antitrust. Auditel dalla sua avrebbe risposto, come riportato in data odierna dal quotidiano ItaliaOggi, che i reiterati inviti fatti a Sky sarebbero rimasti finora disattesi. Un ping pong di frecciatine che probabilmente troverà esito a breve con l’ingresso di Sky nel consiglio d’amministrazione, nonché nel capitale del gruppo, tra i cui soci ad oggi annovera, oltre a Rai e Mediaset, anche Telecom Italia Media, Frt, Fieg, Upa, Assap-Assocomunicazione, Unicom-ex Otep. Alla base delle schermaglie vi è, come di consueto, il mercato pubblicitario televisivo italiano che sceglie come indirizzare i propri investimenti sulla base dei rilievi pubblicati periodicamente da Auditel ed elaborati (all’inverosimile costo di 11,8 milioni di euro all’anno – trattasi del 68,2% circa del fatturato annuale di Auditel). (M.M. per NL)
23/08/2010 15:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
Dal prossimo anno l’accesso ai contenuti in streaming di servizi SVOD sarà libero fra i paesi europei: questo è il contenuto nel recente accordo raggiunto da Parlamento e Consiglio Europeo.
Si schierano in favore dei loro colleghi di Sky i giornalisti della RAI che, stasera, durante tutti i Tg e Gr, leggeranno un “comunicato di solidarietà dei giornalisti Rai nei confronti dei dipendenti di Sky impegnati in una dura vertenza sindacale contro le ipotesi di esuberi e trasferimenti decisi dalla loro azienda”.