Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Rivoluzione Google. I segreti dell'azienda che ha cambiato il mondo
Vincente e ammirata come poche altre aziende nella storia, Google ha trasformato internet ed è diventata una parte irrinunciabile della nostra vita.
Come c’è riuscita? Steven Levy, giornalista di lungo corso ed esperto di tecnologia, ha potuto vederla dall’interno come mai nessuno prima e, in "Rivoluzione Google - I segreti dell'azienda che ha cambiato il mondo",  conduce i lettori fin dentro il quartier generale – il Googleplex – per scoprire davvero come funziona quest’azienda. Prima ancora di laurearsi a Stanford, i cofondatori Larry Page e Sergey Brin hanno rivoluzionato la ricerca su internet. A questa brillante innovazione ne è seguita un’altra: guadagnare miliardi di dollari con la pubblicità sul web. Grazie a questa macchina sfornasoldi Google è cresciuta a un ritmo vertiginoso, imbarcandosi in nuove avventure: data center più efficienti, telefoni cellulari opensource, video gratuiti su internet (YouTube), cloud computing, digitalizzazione dei libri e molto altro. Il segreto del suo successo, rivela Levy, è una mentalità tecnica e improntata ai valori tipici di internet: la velocità, l’apertura, la sperimentazione e il rischio. Con il suo approccio orgogliosamente elitario alla selezione del personale, Google vizia i suoi ingegneri – mensa e tintoria gratis, medici e massaggiatori in azienda – garantendo loro tutto il necessario per lavorare al meglio. E ancora oggi, con oltre 23.000 dipendenti, Larry Page approva personalmente ogni nuova assunzione. Ma Google sta forse perdendo la sua spinta all’innovazione? Quali passi falsi ha commesso? In Cina per esempio, dove Levy spiega cos’è andato storto e rivela che Brin era in disaccordo sulla strategia per il mercato cinese; e più di recente con il social networking, dove per la prima volta Google si lancia all’inseguimento di un competitor di successo. Alcuni dipendenti stanno abbandonando Google per trasferirsi in start-up più piccole e agili. L’azienda che si era ripromessa di non essere “cattiva” è ancora in grado di competere? Quale sarà il suo futuro? Edito da Hoepli (www.hoepli.it), il libro è in vendita ad euro 19,90. (M.L. per NL)
13/07/2012 14:20
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.
Dopo Google, anche Apple lancia la sua idea per innovare il piccolo schermo: si chiama "Tv", un’applicazione che, come il set top box di Mountain View, mira a creare, come dice il ceo Tim Cook (foto), “un unico posto in cui accedere a tutti i vostri show tv e ai film”.