Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RTv. DMT, Elettronica Industriale, Mediaset: negoziazioni per creare un superplayer nel towering
Elettronica Industriale S.p.A., società posseduta al 100% da Mediaset S.p.A. e Digital Multimedia Technologies S.p.A. comunicano di aver avviato una trattativa in esclusiva per la definizione di un progetto di integrazione industriale.
Obiettivo, fa sapere il gruppo televisivo di Cologno Monzese è integrare "gli asset rispettivamente posseduti da EI e DMT nel settore delle torri di broadcasting e telefonia, finalizzato alla creazione di un operatore leader in Italia nel settore delle infrastrutture delle reti di trasmissione e alla realizzazione di importanti sinergie tra i rispettivi business in un'ottica di creazione di valore per tutti gli azionisti". Il progetto di integrazione prevederà la scissione del ramo di azienda delle torri di broadcasting di EI in DMT ovvero in una società di nuova costituzione che sarà fusa in DMT stessa. E' previsto che, ai fini della determinazione del rapporto di cambio della Fusione, i multipli utilizzati per la valutazione dei business di EI e DMT siano pari a 11 volte per EI e a 14 volte per DMT dei rispettivi EBITDA stimati e normalizzati per il 2011, tenuto conto di talune rettifiche. Per effetto dell'operazione di integrazione, è previsto che R.T.I. S.p.A., società posseduta al 100% da Mediaset S.p.A., e azionista unico di EI, venga a detenere una partecipazione non inferiore al 60% di DMT e che le azioni di quest'ultima continuino ad essere quotate sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. "L'intero progetto di integrazione - spiega la nota del Biscione - è soggetto a determinate condizioni tra le quali il consueto processo di due diligence, la negoziazione dell'accordo di integrazione, l'approvazione da parte dei rispettivi organi competenti nonché il rilascio delle prescritte autorizzazioni da parte delle competenti autorità e, in particolare, il riconoscimento da parte della Consob dell'esenzione dall'obbligo di promuovere un'offerta pubblica di acquisto sulle azioni DMT ai sensi dell'art. 49, comma 1, lett. f) del Regolamento Consob 11971/99". La trattativa tra EI e DMT prevede un periodo di esclusiva fino al 30 giugno 2011. In caso di esito favorevole della trattativa, EI e DMT comunicheranno tempestivamente al mercato l'avvenuta stipula dell'accordo di integrazione e i relativi termini e condizioni. Subordinatamente al rilascio delle predette autorizzazioni, è previsto che l'operazione di integrazione possa essere completata entro il corrente esercizio. E' altresì previsto che, subordinatamente al completamento della Fusione, Millenium Partecipazioni S.r,L. - l'attuale azionista di riferimento di DMT- ceda a Mediaset o altra società del gruppo Mediaset un quantitativo di azioni DMT post Fusione dell'ordine del 4-6%, ad un prezzo unitario pari alla valorizzazione che risulterà dal concambio di Fusione.
 
30/03/2011 18:00
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.