Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RTV e nuove tecnologie. Boxee Box: con 150 euro il tv è connesso a Internet. 9 mln di italiani possono ricevere radio e tv via web fuori casa. E compare l’editore individuale
E’ boom di connessione ad internet. Il motto del nuovo decennio è: "always on". Tanto che quasi il 15% degli italiani accede al web (anche) attraverso smartphone e il 32% utilizza connessioni Wi-FI.
Ciò, per quanto ci riguarda più da vicino, si traduce nella semplice considerazione che 9 milioni di italiani possono già ricevere, in outdoor, le trasmissioni radio e tv sul web, con prospettive di crescita rapidissima fino a quasi venti milioni di utenti. Cifre enormi, che altre tecnologie si sognano (si pensi solo a quanto tempo e denaro occorrerà per far crescere a tali livelli l'utenza della radio digitale immaginata da Agcom, cioè con gli standard DAB+ e DMB). Ma il bello è che, dal punto di vista degli editori, non occorre effettuare nessun tipo di investimento per raggiungere cotanta utenza: basta stimolarla coi prodotti giusti, dalla piattaforma corretta. E, non a caso, i piani operativi degli editori radiotelevisivi (nazionali ma anche locali) più accorti stanno rapidamente convergendo verso il web, soprattutto per quanto riguarda il podcasting (per la radio) e l’on demand (per la tv). Al punto che, a rafforzare la competizione sui contenuti, arriva la figura dell’editore individuale. Se aspiranti registi e produttori fino ad ora hanno usufruito dell’enorme opportunità di YouTube, ora è il momento degli editori in nuce, che possono letteralmente creare una propria Web Tv professionale attraverso Glomera (che presto fungerà anche da vetrina di idee per fornitori di contenuti per il DTT), oppure, dal 31 gennaio prossimo, contribuire alla web radio 2.0 con spirito da radio libera anni '70, con l'italianissimo Spreaker, che si propone di ribaltare il concetto di radio in internet, trasformandolo in internet dentro la radio, attraverso il potenziale di Facebook (puntando addirittura in cinque anni al più che ambizioso fatturato di 20 milioni di euro). Iniziative favorite enormemente dai nuovi strumenti tecnologici che consentono di rendere la tv di casa una piattaforma per l’accesso al web e lo smartphone una radio e tv digitale portatile. Se Telecom Italia già prepara per la fine di febbraio la versione II del CuboVision, il decoder multipiattaforma che consente di ricevere il DTT e la IP Tv (ma non il Sat e la Web Tv), secondo il modello della tecnologia aperta ai suggerimenti degli utenti (quindi con un prodotto virtualmente mai finito e sempre perfettibile), già si affacciamo sul mercato apparecchi simili. E’ stato infatti presentato all’Electronic Show di Las Vegas il Boxee Box, dispositivo, curiosamente sempre cuboide, realizzato da D-Link che, collegato via HDMI al tv di casa e connesso alla rete via cavo o Wi-Fi, consente la navigazione e la riproduzione dei contenuti multimediali. In pratica, Boxee Box, che supporta tutti i più diffusi formati di file audio/video (cosicché l'utente non deve preoccuparsi di codec o altro), permette da subito di rendere la propria tv internet equipped, ricevendo stazioni IP Tv (con abilitazione dell'operatore di rete) ma anche Web Tv (con accesso aperto). Il limite, ovviamente, è che si tratta dell’ennesimo decoder da conciliare con la pletora di strumenti collegati al tv (decoder sat, ricevitore DTT se non integrato, dvd, videoregistratore, consolle videogiochi, home theatre, ecc. e relativi telecomandi). Un problema che avrebbe dovuto già da tempo essere risolto dal decoder-unico (ricevitore multistandard dallo schema comportamentale unico, per semplificare la vita all'utente). Quella chimera che è diventata, per i regolatori italiani (Agcom e MSE-Com), un soffice cuscino conciliante sogni dorati.
17/01/2010 10:26
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.