Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RTV. Mediaset pensa di espandersi in Europa

Tanti saluti al rosso di Mediaset Premium e, con in cantiere un progetto SVOD insieme a Vivendi e le sinergie con la radio, il Biscione pensa a conquistare anche altre emittenti europee.
Mediaset torna ad investire o, almeno, questo è il messaggio che ha tenuto a far passare il suo ad Piersilvio Berlusconi, a margine della presentazione dei palinsesti autunnali. L’amministratore delegato, ci tiene a evidenziare come “il media del futuro sarà la televisione generalista”, evidenziando come tutti i player esteri che arrivano in Italia, come Sky o Discovery, si buttano proprio per questo su progetti di questo tipo. E così Mediaset, liberatasi della pesante zavorra chiamata Premium, torna a concentrarsi sul business che meglio gli riesce e gli investimenti di cui parla Berlusconi, non sarebbero soltanto riferiti ad un leggero aumento delle produzioni proprie ma anche all’ingresso in mercati esteri. Se da un lato la collaborazione con Vivendi dovrebbe, dal 2017, produrre una piattaforma di streaming online unica per Germania, Italia, Spagna e Francia, dall’altro Berlusconi non nasconde l’intenzione di creare reti generaliste in Germania, Francia e Regno Unito (quest’ultima dipenderà molto dagli sviluppi del caso Brexit). L’azione ricorda tanto la conquista dell’Italia fatta pezzo per pezzo e, magari, qualcuno potrebbe far notare al Biscione che usando la rete si farebbe prima, piuttosto che comprando una tv in ogni paese. Per il momento, tuttavia, la questione rimane soltanto teorica, vista l’imprevedibilità della situazione che rende, secondo l’a.d., impossibile persino farsi un’idea dell’andamento in chiusura di anno. Al netto dell’adulazione della cara tv generalista, tuttavia, sembra che Mediaset stessa preferisca diversificare. A questo proposito, da non dimenticare sono gli investimenti sulla radio: R101 sarà integrata a 105 e a Virgin, mentre RMC, come già noto, rimarrà ad Alberto Hazan, deus ex machina di Finelco, con il quale si preannunciano “grandi collaborazioni”. (E.V. per NL)

11/07/2016 14:46
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.