Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RTV: oggi inizia la par condicio per le elezioni amministrative del 5 giugno

Oggi, in concomitanza con la convocazione dei comizi che segnano l’inizio del periodo elettorale, entra in vigore la delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) n. 137/16/CONS, che detta le regole di par condicio in vista delle prossime elezioni amministrative di domenica 5 giugno 2016.
Nei programmi di informazione, quando vengono trattate questioni relative alle consultazioni elettorali, le emittenti radiofoniche e televisive locali devono assicurare l’equilibrio tra i soggetti politici secondo quanto previsto della legge 22 febbraio 2000, n. 28 (art. 11-quater) e dal codice di autoregolamentazione; nei programmi di comunicazione politica, deve esserci un’effettiva parità di condizioni tra i soggetti politici competitori, anche con riferimento alle fasce orarie ed al tempo di trasmissione. Entro martedì 26 aprile, le emittenti radiofoniche e televisive locali intenzionate a trasmettere messaggi politici autogestiti a titolo gratuito, devono rendere pubblico il loro intendimento mediante un comunicato da trasmettere almeno una volta nella fascia di maggiore ascolto (art. 12) e contestualmente trasmettono al Corecom di riferimento l’apposito modello MAG/1/EC. I soggetti politici interessati ad usufruire di tali spazi hanno tempo fino a martedì 3 maggio, termine ultimo per la presentazione delle candidature, per inviare al Corecom l’apposito modello MAG/3/EC, compilato secondo le indicazioni riportate nella delibera 137/16/CONS (art. 12, comma 2). Per quanto riguarda i messaggi elettorali a pagamento, sempre entro martedì 26 aprile, gli editori radiotelevisivi e quelli di quotidiani e periodici a diffusione locale che intendano diffondere tali messaggi, sono tenuti a dare notizia dell’offerta dei relativi spazi attraverso un apposito comunicato pubblicato ai sensi dell’art. 15 (radio e tv) e degli artt. 20 e 21 (stampa) della richiamata delibera. La struttura di competenze a più livelli Consultmedia (collegata a questo periodico) ha predisposto il consueto service di assistenza amministrativa (per informazioni: studiomadaro@planetmedia.it). (E.G.)
21/04/2016 08:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Con riferimento al referendum costituzionale previsto per il prossimo 4 dicembre, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ricorda che a partire dalle ore 24 di venerdì 18 novembre 2016 e fino alla chiusura dei seggi elettorali, è vietato rendere pubblici o comunque diffondere i risultati di sondaggi demoscopici sull’esito del referendum o comunque relativi al quesito referendario.
Il 28 settembre 2016 è stato pubblicato in GU il decreto di indizione del Referendum popolare confermativo della legge di riforma costituzionale fissato per il 4 dicembre. Questa data segna dunque l’inizio della campagna referendaria e del regime di applicazione della legge sulla par condicio.
Con riferimento al referendum previsto per il prossimo 17 aprile, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ricorda che, a partire dalla mezzanotte del 1° aprile 2016 e fino alla chiusura delle operazioni di voto, è vietato rendere pubblici o comunque diffondere con qualunque mezzo i risultati di sondaggi
L’Autorità ha rilevato, nel periodo dal 2 al 15 maggio, "un complessivo riequilibrio da parte delle emittenti rispetto alla disomogenea distribuzione del tempo di parola tra soggetti politici e soggetti istituzionali riscontrata nel precedente periodo di monitoraggio (16 aprile-1 maggio)".
Con riferimento alle elezioni amministrative, comunali e regionali, previste per il prossimo 31 maggio, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ricorda che, a partire dalla mezzanotte del 15 maggio e fino alla chiusura delle operazioni di voto, è vietato rendere pubblici o comunque diffondere con qualunque mezzo i risultati di sondaggi demoscopici sull’esito delle elezioni e sugli orientamenti politici e di voto degli elettori anche se tali sondaggi sono stati effettuati in un periodo precedente a quello del divieto.