Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RTV, pubblicità ancora in calo, FRT: occorre intervenire per dare fiducia agli inserzionisti
La risorsa principale, se non l'unica, delle radio e delle tv private è la raccolta pubblicitaria. A causa della perdurante crisi economica gli investimenti in comunicazione si stanno di anno in anno assottigliando.
Ciò ha messo in ginocchio un intero settore ed ha in molti casi compromesso l'esistenza stessa di molte imprese radiotelevisive. Particolarmente colpite, per i motivi ormai noti a tutti, sono state le emittenti televisive locali, penalizzate oltre modo dal passaggio al digitale terrestre.  I dati diffusi da Nielsen relativi al secondo trimestre 2012 evidenziano una flessione degli investimenti pubblicitari. Nei primi quattro mesi dell’anno le aziende italiane hanno investito l’8,2% in meno rispetto allo stesso periodo del 2011, per un valore complessivo leggermente superiore ai 2,7 miliardi di euro a cui corrisponde una riduzione della spesa pari a 241 milioni di euro.  La televisione chiude il primo quadrimestre con un calo del -8,6%. Tutti i settori, tranne internet che registra un + 10,2%, sono in perdita rispetto al 2011. Per le Tv è il dato più basso degli ultimi quattro anni (cfr. grafico). Rispetto al 2008 la riduzione supera i 300 milioni di euro.  Diminuisce anche il numero di aziende inserzioniste, fenomeno in controtendenza rispetto agli ultimi anni. I dati dimostrano un peggioramento anche a livello di settori merceologici. Alimentari (-8,2%) Automobili (-2,2%), telecomunicazioni (-25,8%). "Si tratta di dati allarmanti che riportano il settore indietro di tanti anni e che stanno causando il ricorso alle procedure di mobilità per il personale dipendente intervento del governo e della politica in questo ambito, magari con misure e incentivi ad hoc, che incoraggino gli inserzionisti ad incrementare gli investimenti pubblicitari, possa fungere da stimolo ed innescare un meccanismo virtuoso non solo per il settore dei media ma per l'economia in generale", denuncia la Federazione Radio Televisioni (FRT) in una nota diramata nei giorni scorsi. "Siamo perfettamente consapevoli del grave momento che il Paese sta attraversando e riteniamo giusti gli interventi finalizzati al riordino e alla razionalizzazione della spesa pubblica" - ha dichiarato il Presidente della FRT, Filippo Rebecchini "Ciononostante è altrettanto necessario che gli inserzionisti ritrovino la fiducia, tenendo comunque presente che questa non può completamente prescindere da interventi di sostegno concreti che solo lo Stato può attuare attraverso azioni di politica economica finalizzate alla crescita". Anche il mezzo radiofonico ha registrato una flessione sulla raccolta pubblicitaria nel primo quadrimestre dell'anno (-3%). (M.L. per NL)
11/07/2012 07:35
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.