Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
RTV. TAR Lombardia chiarisce differenza tra "bacino di utenza" e "area di servizio". A rischio esito di decine di istruttorie del MSE-Com

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

15/01/2010 09:52
 

Ma Brunetta che ci sta fare?!

Quand'è che si decide a mandare gli ispettori a Milano, a vedere come è condotta la sua pubblica amministrazione in Via Principe Amedeo 5? Ma mi sa che è tutto chiacchiere e distintivo... 

Pronuncia un pò tardiva non vi pare?

Ora che siamo nel bel mezzo della digitalizzazione (pare che il 5 settembre, data non ufficiale, inizi a switchare l'area 3) gli impianti atti a colmare le perdite di segnale all'interno del bacino di utenza lasciano un pò il tempo che trovano, a mio avviso. Chissà se tale pronuncia può avere riflessi positivi nell'ambito radiofonico.

Abbiate pazienza, ancora qualche mese e poi li salutiamo

Almeno per quel che riguarda la televisione, il compito degli ispettorati con il digitale terrestre sarà ridotto fortemente, fino quasi a scomparire, come dimostrano le esperienze delle regioni dove il passaggio è già avvenuto. Mi spiace solo per i colleghi della radio, che dovranno avere a che fare con quelli di Via Principe Amedeo 5 a Milano ancora a lungo. Per quanto mi riguarda, solo al pensiero di salutarli (o comunque di doverli frequentare molto più raramente) già il fegato ne beneficia...
 
DM
NOTIZIE CORRELATE
Come è noto nei giorni scorsi sono stati pubblicati dalla DGSCERP del Mise i provvedimenti con cui, ai sensi del bando del 02/05/2016, sono state approvate le graduatorie dei fornitori di servizi media audiovisivi per il servizio televisivo digitale terrestre relativi alle regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia e Puglia.
Il Ministero dello Sviluppo Economico interviene sulle indiscrezioni di stampa pubblicate nei giorni scorsi a riguardo di un presunto fallimento dell'operazione "canone RAI in bolletta", secondo le quali quasi un italiano su due non avrebbe provveduto al versamento, con punte del 60% al Sud.
Via libera al primo bando per la realizzazione della rete nelle aree bianche, quelle cioè a fallimento di mercato: con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale possono partire le procedure per gli interventi nelle prime sei regioni (Abruzzo, Molise, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana e Veneto) con le quali si sono chiusi specifici accordi di programma e relative convenzioni operative per l’utilizzo dei fondi FESR e FEASR. Entro l’estate partiranno i bandi per tutte le altre regioni.
Il Mise ha apportato alcune modifiche minori alla prima versione del decreto riguardante il canone Rai nella bolletta elettrica, ottenendo stavolta l’ok dal Consiglio di Stato; leggermente rivisitata la definizione dei dispositivi e inserito un articolo sulla privacy.
Con sentenza 09/03/2016, resa nell'ambito di un giudizio di ottemperanza promosso da un'emittente locale destinataria di una sentenza costitutiva civile che disponeva la modifica di impianti di radiodiffusione sonora per compatibilizzazione con altri soggetti, il TAR per Lombardia ha confermato l’orientamento giurisprudenziale maggioritario sulla vexata quaestio del potere (ex art. 32 c. 2 L. 223/1990) dell'A.G. concorrente a quello della P.A. di disporre la modifica delle caratteristiche radioelettriche nel rispetto dei diritti dei terzi e dei limiti di servizio dei diffusori originari.