Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Salute: cellulari assolti, studio conferma che non causano tumori
L'esposizione alle frequenze radio che provengono dai telefonini cellulari non sembra aumentare significativamente il rischio di tumori al cervello.
L'assoluzione di uno degli oggetti piu' usati anche in Italia arriva da uno studio condotto da scienziati dell'Universita' di Manchester (Gb). I ricercatori hanno utilizzato i dati pubblici del UK Office of National Statistics per analizzare i trend delle nuove diagnosi di cancro ai cervello in Inghilterra fra il 1998 e il 2007. I risultati, come riporta la rivista 'Bioelectromagnetics', non hanno rilevato significative modificazioni dell'incidenza della malattia ne' negli uomini ne' nelle donne nel periodo di nove anni posto sotto osservazione, quello in cui i cellulari si sono diffusi a macchia d'olio in tutto il mondo. "L'impiego di telefonini portatili ha avuto un boom nel Regno Unito e in altri Paesi a partire dagli anni '90, quando fu introdotto il primo telefono digitale" dice Frank de Vocht, principale autore della ricerca. "Ma i nostri dati confermano che non c'e' stato un aumento di casi di tumore al cervello dall'introduzione dei cellulari alla loro proliferazione". (Adnkronos)
18/02/2011 21:16
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27/10/2016 il decreto del 05/10/2016 del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare recante l’approvazione delle “linee Guida sui valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici”.
Con sentenza depositata il 21/06/2016 in Segreteria, il TAR Lazio ha respinto il ricorso 10528/2003 e nel contempo accolto il ricorso 12364/2015 promosso da RAI WAY avverso l'Ordinanza del Sindaco del Comune di Rocca di Papa del 12/08/2003 che aveva ordinato la demolizione delle antenne di Monte Cavo Vetta e il verbale di accertamento 2236/2015 circa l'inottemperanza alla citata ordinanza di ingiunzione, sgombero e demolizione.
Interessante decisione di merito del TAR Veneto su un ricorso presentato da un operatore di telecomunicazioni a riguardo di un provvedimento comunale di diniego di un’istanza ai sensi dell’art. 87 del D. Lgs. 259/2003, per la realizzazione di un impianto radio base per reti di comunicazione elettronica su un terreno incolto classificato dal piano regolatore come “area ad urbanizzazione consolidata” in cui l’edificazione era subordinata alla redazione di un piano attuativo.
Riunione, oggi pomeriggio a Palazzo di Città, sul recente pronunciamento del Tar del Lazio in merito al ricorso della società Rai e Rai way contro da Delibera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
Tutto da rifare per il sito radioelettrico di San Silvestro, sulle alture di Pescara, postazione strategica per il servizio cittadino da decenni al centro di un braccio di ferro giudiziario e politico coi residenti che vogliono la delocalizzazione delle antenne.