Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Screen Service: Tivuitalia, nasce nuovo operatore televisivo nazionale
Tivuitalia S.p.A. società integralmente controllata dalla Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A. - operatore nel settore della produzione di apparati per la trasmissione del segnale televisivo - ha depositato presso il Dipartimento per le Comunicazioni del MSE l'integrazione alla Dichiarazione di Inizio di Attività (DIA) come operatore televisivo nazionale.
Negli ultimi mesi, Screen Service, attraverso la controllata Tivuitalia S.p.A. - già titolare di una concessione ministeriale per la radiodiffusione televisiva in ambito locale - ha proseguito nella strategia di acquisizione di impianti di diffusione televisiva sul territorio nazionale, raggiungendo una copertura di circa il 57% della popolazione, pari a 32 milioni di abitanti. Per effetto della legge 03/05/2004 n.112, richiamata dal D.lgs. 177/2005 (testo unico della radiotelevisione) e riconfermata anche dal recentissimo D. Lgs 44/2010 sull'esercizio dell'attività televisiva (cd. Decreto Romani), Tivuitalia ha quindi acquisito lo status giuridico di autorizzato generale per l'attività di operatore di rete televisiva in ambito nazionale (MUX). Tivuitalia si pone come network provider per la veicolazione di programmi di terzi interessati a trasmettere i propri contenuti sull'intero territorio italiano. "L'autorizzazione generale per l'attività di operatore di rete nazionale - ha commentato Antonio Mazzara, Presidente di Tivuitalia e CEO della controllante Screen Service - corona un processo di evoluzione e diversificazione dell'attività del Gruppo che, da produttore leader di apparati di trasmissione, si pone oggi come unico operatore in grado di offrire capacità trasmissiva sulla propria infrastruttura a fornitori di contenuti". "Con questo passaggio - continua Mazzara - la rete di Tivuitalia viene a rappresentare un importante asset patrimoniale che verrà ulteriormente valorizzato attraverso investimenti per il completamento della dorsale bidirezionale ad alta capacità, che consentirà l'interconnessione su frequenze terrestri di tutti gli impianti di diffusione televisiva, nonché il trasferimento di dati, servizi e programmi sull'intero territorio nazionale con apparati tutti di produzione Screen Service". "Tra i nostri futuri obiettivi - conclude Mazzara - l'ampliamento della copertura fino a superare il 90% della popolazione italiana e la eventuale partecipazione alla gara dove verranno assegnate ulteriori nuove frequenze nazionale in SFN (cd. dividendo digitale) sulla base del piano elaborato dall'Agcom valido per il passaggio al digitale". (Teleborsa)
25/05/2010 14:29
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).