Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Sky On Demand. Entro fine anno contenuti scaricabili dal web. Reggerà la rete italiana?
Televisione on demand. Contenuti a richiesta. Non più solo via satellite, con le migliori scelte della settimana messe automaticamente a disposizione di Sky nell’apposito menù (vi si accede sia digitando Menù, sia digitando MySky sull’apposito telecomando).
Ma anche dal web. Entro fine anno, infatti, la tv di Murdoch metterà a disposizione nuovi decoder, connessi al web per mezzo di un tradizionale cavo ethernet, grazie ai quali si potrà accedere ad un’immensa libreria di film, documentari e serie tv, scaricando contenuti da internet (tra l’altro con un nuovo hard disk da 500 Gb, nonostante siano in molti ad ammettere che quello attuale da 320 Gb potrebbe già essere sufficiente allo scopo). Il servizio, paragonabile al britannico Sky Anytime disponibile in tutto il Regno Unito dallo scorso ottobre, consentirà dunque di ampliare l’attuale offerta di contenuti on demand, spingendo sempre di più i tradizionali palinsesti in un fantomatico dimenticatoio analogico. L’unico dubbio sollevabile dai professionisti del settore o dagli utenti più attenti e tecnologicamente avanzati è quello dell’impatto di questa tipologia di servizi sulla rete italiana. Se, infatti, consideriamo che gli abbonati di Sky stanno raggiungendo quota 5 milioni e, quindi, i soggetti che potenzialmente potrebbero avere accesso ai servizi connessi sono sicuramente di più (ogni abbonato può avere famiglie più o meno numerose) e, molto probabilmente, la maggior parte di questi naviga con connessioni Adsl a 6-7 Mb nominali, siamo sicuri che la rete italiana sarà in grado di reggere tutto questo traffico? Senza contare che a questi numeri vanno obbligatoriamente aggiunti i detentori di apparecchi già connessi al web quali televisori internet ready o decoder con analoga tecnologia quali, per esempio, BlobBox o Cubo Vision. Già il Sole 24 Ore faceva notare la questione, la settimana scorsa, spiegando un dettaglio di non poca importanza: se un film in qualità normale pesa circa 1 Gb per una durata media di 100 minuti, la medesima pellicola in alta definizione pesa 3 o 4 volte tanto. Ragion per cui ogni volta che dovessimo selezione un contenuto da scaricare dal web dovremmo attendere un po’ per ottenerlo tutto. Il problema, per certi versi, non risiede tanto nella visione del contenuto (con una connessione discreta, il film o documentario può essere visibile già nel momento in cui l’1% del file è stato scaricato), quanto piuttosto nel maggior traffico che queste tecnologie stanno generando, in un Paese dove solo sei comuni capoluoghi di provincia possono accedere alla fibra ottica. Insomma, la criticità della rete internet italiana comincia a diventare un argomento fondamentale non solo per l’evoluzione del nostro lavoro, ma anche per l’accesso a servizi integrati e innovativi quali Sky Anytime o simili. Ma pochi sembrano dare peso alla questione, come se il doppino di rame potesse supportare ancora tutto per generazioni. (M.M. per NL)
21/02/2011 10:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).