Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Social network. Amicizie e amori virtuali: gli adolescenti cascano nella rete di Facebook
Stesso posto stessa ora. Ecco come il primo appuntamento non è più un problema. Non ci sono dubbi sui vestiti da indossare, su come nascondere l’acne giovanile, come parlare e cosa ordinare al bar del centro.
Facebook salva gli adolescenti dagli imbarazzi: permette loro di stare comodamente in camera davanti al pc, con una tuta vecchia, un po’ di deodorante e tanta fantasia. I ragazzi intrattengono per ore ed ore conversazioni in chat e il tempo assume tutta un’altra dimensione. Bastano dieci minuti per essere amici, un’ora per volersi bene, due per chiamarsi tesoro e tre per scappare insieme. Diventa tutto così semplice, veloce e così armonioso che sembra quasi irreale. Infatti lo è. Gli adolescenti instabili e insoddisfatti trovano nel social network la soluzione ai loro pomeriggi vuoti, alle relazioni timide e alla fame di protagonismo, non rendendosi conto che basterebbe giocare a calcio, ridere con gli amici nel parcheggio di casa e osare essere se stessi rischiando di provare quella vergogna tanto temuta. La foto profilo è il biglietto da visita: non arrossisce e a volte non ha nemmeno le vere sembianze di chi si cela dietro essa. I giovani, attraverso l’immagine si esprimono, rubano pensieri già confezionati e per trasmettere emozioni si affidano alla musica. Esiste il desiderio di essere se stessi, ma dietro ad una finestra con vetri a volte oscurati, a volte troppo spessi e talvolta completamente coperti. Quando il quindicenne esce di casa non è più in grado di vivere la realtà, troppo diversa da quel mondo costruito tra quattro mura: la comunicazione e il contatto diventano estranei, e il coraggio adolescenziale non basta più. Il senso di inadeguatezza alimenta l’illusione della supremazia dell’amico virtuale su quello reale. E di conseguenza la soluzione immediata è evadere da una realtà scomoda, scappare per godere delle relazioni virtuali e dare finalmente un corpo all’intimità così facilmente raggiunta. Non tutti i ragazzi cedono, ma alcuni vogliono dare concretezza agli amori ed amicizie virtuali, perché sono le uniche per le quali si sentono all’altezza. Non è altro che un’utopia madre delle improvvise fughe da casa e di grandi delusioni, perché svela lo stesso quindicenne dietro alla finestra: goffo, imbranato e bruttino. Facebook dovrebbe essere il collante di rapporti costruiti dal vivo, per comunicare ricordando gli occhi, il sorriso, il tono di voce, le scarpe, il profumo e la simpatia dell’amica, questa volta più vera. (C.S. per NL)
20/03/2011 17:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.