Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Soppressione provvidenze editoria a radio e tv locali: in onda 3000 spot di protesta al giorno da oggi. Ma dalla prossima settimana potrebbero diventare oltre 100.000
Sono in onda da oggi pomeriggio gli spot di protesta contro la scellerata soppressione delle provvidenze per l'editoria a favore delle radio e tv locali introdotta, con un formidabile blitz, dal Governo Berlusconi.
A trasmetterli sono, per ora, cento emittenti televisive locali aderenti all'Associazione Tv Locali della Federazione Radio Televisioni (di cui è presidente dell'Associazione Tv Nazionali nientemeno che Fedele Confalonieri, cioè il presidente di Mediaset), che auspica che "il Presidente della Repubblica valuti tali aspetti ed eviti di promulgare il decreto" (rectius, la legge di conversione del decreto Milleproroghe). I messaggi (in calce il video) saranno trasmessi per trenta volte al giorno (totale 3000 spot). Ma se non interverranno provvedimenti legislativi tesi a ripristinare i fondi (sottratti a tutto vantaggio di radio e testate giornalistiche di partito), dalla prossima settimana saranno programmati più di 100.000 spot (sic!) su oltre un migliaio di stazioni tra radio e tv aderenti alle varie sigle sindacali (che, in una occasione più unica che rara, si sono mostrate unite). Insomma una spaventosa offensiva mediatica da cui la già indebolita maggioranza potrebbe uscire devastata in proiezione delle prossime elezioni.
 
26/02/2010 22:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
Presentate il 18/01 a Londra le Linee guida di sviluppo Mediaset: atteso al 2020 un miglioramento dell'EBIT di 468 milioni nelle attività media italiane. Raccolta pubblicitaria 2016 in crescita del 4,0%.
Sulla Gazzetta Ufficiale N. 304 del 30/12/2016 è stato pubblicato il D.L. 244/2016 (c.d. "Milleproroghe") recante “Proroga e definizione di termini”.
Un nuovo comunicato stampa telegrafico della francese Vivendi annuncia il raggiungimento di quel 20% del capitale Mediaset che era l’obiettivo annunciato del gruppo solo tre giorni fa; adesso, la media company guidata da Vincent Bolloré, può entrare nel cda del Biscione.