Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Soppressione provvidenze editoria: protesta anche il Comitato Radio TV Locali
Il Comitato delle radio e delle televisioni locali si aggiunge alle proteste delle associazioni di categoria in merito alla soppressione delle provvidenze dell’editoria.
E aggiunge "che le TV Locali, nelle aree di prossima conversione al digitale, stanno ancora attendendo le modalità di distribuzione dei fondi stanziati a sostegno per la conversione degli impianti in digitale terrestre". "Stavamo attendendo una modifica alla legge 448/2001, per una più equa distribuzione dei contributi a sostegno delle TV locali" - spiega il CRTVL in un comunicato inviatoci oggi - e la modalità di erogazione dei fondi per la conversione degli impianti trasmissivi in tecnica digitale" e invece è pervenuta "la decisione del Governo di sopprimere le provvidenze dell’editoria". Continua quindi la nota "Riassumendo:  1. la pubblicità nazionale è appannaggio dei soliti noti grandi gruppi Radiotelevisivi;  2. la crisi ha visto una riduzione della pubblicità locale e delle televendite di almeno il 30%; 3. Le TV locali devono far fronte alle enormi spese di conversione degli impianti trasmissivi sul nuovo standard digitale imposto dall’Europa e, a riguardo delle aree di ormai imminente digitalizzazione, non sono ancora pervenute le modalità di distribuzione dei fondi stanziati a sostegno; 4. la legge 448/2001, va ad appannaggio di pochissime TV locali; 5. i grandi soliti noti gruppi Radio Televisivi, insieme alle poche TV Locali “in grazia” della legge 448/2001, cercano di regolamentare le numerazioni sul telecomando (L.C.N.) a loro esclusivo vantaggio, nel tentativo di relegare a posizioni remote quasi tutte le locali “bruciando” i loro 20 anni di avviamento; 6. l’Autorità a Garanzia della Concorrenza e del Mercato ha appena avviato un procedimento conoscitivo. Forse le attuali norme sulle limitazioni degli accentramenti di potere nel settore non sono sufficienti?; 7. i grandi, soliti, gruppi radiotelevisivi, hanno fanno incetta di canali e reti locali ormai sull’orlo del tracollo finanziario; 8. il governo sopprime le provvidenze dell’editoria alle radio e TV Locali. Chi vuole tutto questo? Chi vuole il controllo dell’informazione e dei media?"
26/02/2010 18:29
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Comitato Radio Tv Locali, "dopo la definitiva vittoria dell’annullamento della precedente delibera di assegnazione delle numerazioni n. 366/2010, sollecita il MSE Comunicazioni ad attuare la delibera AGCOM 237/2013 per le nuove assegnazioni degli LCN (Logical Channel Number)".
Esulta il CRTL - Comitato Radio TV Locali per la vittoria della battaglia contro l’ordinamento dei canali del telecomando "che aveva privilegiato le nuove tv nazionali sul digitale terreste e relegato agli ultimi posti del telecomando le emittenti locali (salvo alcune)".
 
"Esprimo soddisfazione per l’approvazione da parte del Governo dell’ordine del giorno in favore delle tv locali”. E’ quanto ha affermato la senatrice Adriana Poli Bortone, cofondatrice di Grande Sud.
Il Comitato Radio TV Locali, impugna con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica l’asta degli operatori tlc che espropria le TV locali dalle frequenze: "E’ anticostituzionale, fa chiudere almeno 200 TV locali e lo Stato ci rifonderà per danni più di quanto incassato".
"Cosa altro ci resta da fare? La nostra dignità d’impresa è stata calpestata. Altro che “grande successo di incassi in tempi di crisi”, come pavoneggiano al Ministero dello Sviluppo Economico!".