Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Stallo Audiradio, FRT: prese di posizione di chi esprime il 70% dell’ascolto potrebbero portare ad alternative all’attuale situazione di ingovernabilità
Le radio locali associate alla FRT si sono riunite per esaminare ed approfondire le problematiche relative alla situazione di stallo in cui versa l’indagine di ascolto condotta da Audiradio.
"Sono ormai diversi mesi che non si riesce ad impostare l’indagine per il 2011 a causa delle divergenze sorte fra le componenti del sistema radiofonico sulle procedure da adottare in ordine al ruolo della ricerca di base e del panel diari, ma in particolare sulla “governance” di Audiradio che non appare in linea con lo spirito di cui alla delibera n. 75/09/CSP della Agcom", fa sapere l'associazione in una nota.  "Infatti la modifica delle quote di partecipazione delle emittenti radiofoniche, senza la contestuale adozione delle modifiche statutarie atte ad eliminare i veti illegittimi oggi in essere nell’ambito del Consiglio di amministrazione, costituisce un’ennesima violazione della Delibera n. 75 - che giace inattuata da oltre un anno e mezzo - ed una finzione nei confronti delle nuove emittenti entranti nel capitale sociale di Audiradio", spiega l'ente esponenziale. "Per tali motivi l’Associazione Radio della FRT non ha inviato il proprio rappresentante all’Assemblea di Audiradio convocata per il giorno 21 febbraio in Milano, poiché la rappresentatività di nuovi soggetti nella compagine societaria dovrà comunque essere garantita attaverso la modifica sostanziale dell’attuale statuto che attribuisce particolari diritti amministrativi ai singoli soggetti e che di riflesso garantisce la designazione dei membri del Comitato Tecnico".  "Solo così - continua la federazione - si può sbloccare l’attuale situazione di stallo per assicurare l’obiettività e l’attendibilità delle rilevazioni condotte dalla società. Il tempo stringe e lasciare ancora il mercato senza rilevazioni è un danno per tutta la radiofonia. Le recenti prese di posizione da parte delle associazioni che rappresentano la quasi totalità delle emittenti locali e da parte delle radio nazionali dei cosiddetti “editori puri”, che insieme esprimono circa il 70% dell’ascolto radiofonico, potrebbero anche portare ad iniziative alternative all’attuale situazione di non governabilità del sistema", conclude la FRT. (A.M. per NL)
01/03/2011 13:55
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
La TER (Tavolo Editori Radio srl) ha assegnato l’indagine sugli ascolti radiofonici in Italia nel 2017 ad Ipsos e GfK Eurisko che si distribuiranno equamente l’incarico, mentre ad un terzo ente ancora da definire verrà affidata l’attività di controllo.
Inizieranno dall’ormai vicino 2017 i lavori della nuova Audiradio, l’istituto di rilevazione degli ascolti radiofonici che nasce dalla collaborazione fra gli editori nazionali e locali del settore.
"RadioMediaset, alla prima rilevazione dopo il suo debutto nel mondo delle radio, si conferma Gruppo radiofonico leader. Lo attesta l’analisi disponibile oggi dei quarti d’ora riferiti al I semestre 2016 confrontato con il pari periodo del 2015 (RadioMonitor)".