Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Storia della Radiotelevisione italiana. Bologna, marzo 1977, Radio Alice: diretta di Red Ronnie dagli scontri del "Movimento"

La nostra rubrica ha scritto spesso delle prime radio libere politicizzate della metà degli anni '70. Oggi, tramite un audio dell'epoca messo in rete dall'ottimo Youreporter.it, poniamo l'attenzione su una radiocronaca della nota Radio Alice di Bologna (alla quale abbiamo dedicato oltre un anno fa una puntata di SRT), forse la più famosa delle stazioni del genere. Il contributo sonoro è relativo ai duri scontri tra i manifestanti - perlopiù del Movimento Studentesco - e le forze dell'ordine, avvenuti a Bologna nel marzo 1977 a seguito dell'uccisione dello studente Francesco Lorusso. A condurre in esterna dal balcone della casa del disegnatore Bonvi (Franco Bonvicini) è Gabriele Ansaloni, alias Red Ronnie, che commenta la manifestazione capitanata da un vecchietto con la fisarmonica che suona l'inno "Bandiera rossa". "Non rispondete alle provocazioni dei soliti fascisti stronzi - rileva lo speaker - La cosa interessantissima è che la gente sta cambiando opinione. Mentre ieri il popolo diceva basta con questi estremisti che sfasciano le vetrine, oggi dice basta con questa polizia che rompe le palle". Red Ronnie veniva dall'esperienze di Radio Bologna Notizie (autunno 1975), Radio BBC (Bologna Broadcasting Corporation), Punto Radio di Zocca (1976, con Vasco Rossi), Radio Marconi e Company (1977, con Bonvi, Lucio Dalla e Francesco Guccini). (R.R. per NL)

20/11/2011 07:05
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblichiamo in esclusiva per questa rubrica due documenti introvabili per gli appassionati della storia delle prime radio e tv locali italiane.
Da Lunedì 27 Giugno è arrivato su Flipps Red Ronnie e il suo Roxy Bar. Il mitico programma Roxy Bar di Red Ronnie, diventa un canale TV sulla piattaforma Flipps.
Il de profundis del monopolio RAI fu intonato per la diffusione su scala locale. Tuttavia una fine elaborazione dottrinale e l'evoluzione sociale, politica e tecnologica consentirono a breve l'estensione dei benefici liberistici all'ambito nazionale.
Il 26 marzo 1927 si firmava una convenzione “tra la Repubblica di San Marino ed il Regno d’Italia per la costruzione e l’esercizio di una ferrovia elettrica San Marino – Rimini e per l’impianto e l’esercizio di una stazione radio telefonica nel territorio di questa Repubblica”.