Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Storia della Radiotelevisione Italiana. Da retrodatare al dicembre 1967 la nascita di Tele Biella?
In occasione delle festività natalizie del dicembre 1967, Giuseppe Sacchi insieme ad altri appassionati danno vita a Biella ad una trasmissione televisiva a circuito chiuso.
Il sistema si basa su collegamenti assai limitati di televisori posti in luoghi pubblici ubicati in pieno centro storico cittadino, nella galleria compresa tra via Gramsci, via Vescovado e via Italia, a coprire una distanza di poche centinaia di metri. Il Biellese del 29 dicembre alla pagina 3 riportava una sintesi dell'iniziativa. "Un interessante esperimento - si legge nell'articolo - che meriterebbe di non restare isolato, è stato fatto in questi giorni a Biella: una trasmissione a circuito chiuso. Girato lo spettacolo al "Colibrì" è stato ritrasmesso da alcuni televisori piazzati nei bar o nelle vetrine della Galleria, collegati con la "stazione" piazzata nella Tavernetta del Piatto d'Argento. Le trasmissioni sono state seguite da moltissimo pubblico. Ivana Ramella e Sandro Sandri hanno presentato lo spettacolo con garbo e disinvoltura: con l'orchestra degli "Uh!" si è esibito il Jazz Club Biella (...) il poeta biellese Franco Mondello ha presentato alcune sue poesie recitate da Gianni Franzoi. Non è mancato il telegiornale con notizie lette da Gianni Franzoi, nè poteva mancare la pubblicità inserita in una "Girandola" che ricalcava il "Carosello" della Rai - Tv. I produttori - registi sono stati Giuseppe Sacchi, Ugo Moschi (...) tutti molti esperti sia di tecnica cinematografica che di tecnica televisiva o pubblicitaria: il Sacchi, soprattutto, che svolge appunto la professione di regista televisivo. La manovra delle complesse apparecchiature (...) erano state affidate a Luciano Buffa e a Claudio Larise anch'essi biellesi". (R.R. per NL)
 
21/10/2014 08:44
 
NOTIZIE CORRELATE
"La famiglia Tacchino, proprietaria delle emittenti, decide il licenziamento del 60% delle lavoratrici e dei lavoratori di Telecity-Telestar-Italia 8 e la contestuale chiusura delle sedi di Torino e Genova." Lo annuncia una nota congiunta di Fnsi e Slc Cgil.
Conclusa la cessione di un asset dell’emittente Telecolor a Sestarete; Advisor: Consultmedia. La prima struttura italiana di competenze a più livelli in ambito mediatico Consultmedia (collegata a questo periodico) ha assistito le società Telecolor s.p.a. (Cremona) e Beacom s.r.l. (Torino), nella cessione dalla prima alla seconda di un asset aziendale costituito dall’autorizzazione regionale per il Piemonte per fornitura di servizi di media audiovisivi sul digitale terrestre tv con associato l’importante logical channel number 19 (numerazione automatica del telecomando).
Nel viaggio tra le emittenti italiane assistite da Consultmedia (struttura di competenze a più livelli collegata a questo periodico), rimaniamo in Piemonte, dove opera una stazione interregionale che da 40 anni accompagna intere generazioni col claim "Radio Mondo Sei Tu!"
Stretta nelle morse della crisi (ma anche da gravissime scelte errate compiute, quantomeno negli ultimi dieci anni, dall'intero comparto) che non risparmia quasi nessuna tv locale, anche la storica emittente interregionale Telecity (legata a 7 Gold), anzi l'intero gruppo piemontese che la riguarda (e che ha grandi interessi anche in Lombardia e Liguria), pensa ad un licenziamento collettivo, che in questo caso riguarda 60/70 dipendenti.