Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Storia della radiotelevisione italiana. Emilia Romagna, 1977: nasce Radio Risposta (Modena)
 
Nella seconda metà degli anni '70 la Chiesa Cristiana Evangelica di Modena, la cui sede era allora in Via Peretti 3/d, così come altri enti religiosi, decise di dar vita ad una radio privata con l'obiettivo di far conoscere "il messaggio di salvezza in Cristo e i valori della fede evangelica".
Il medium radiofonico è infatti ideale per il proselitismo: le religioni di tutto il mondo l'hanno capito da tempo e vogliono sfruttare appieno le aperture offerte in Italia dalla sentenza 202/1976 della Corte Costituzionale, che ha dichiarato l'incostituzionalità del monopolio radiotelevisivo della RAI su scala locale. "Così il 20 dicembre 1977, in una soffitta al 5° piano di uno stabile di Modena, "Radio Risposta" iniziava le proprie trasmissioni in FM, con appena 100 Watt di potenza. A quel tempo, le stazioni radio private erano poche e l'etere meno affollato di adesso". Il segnale di "Radio Risposta raggiungeva buona parte delle province di Modena, Bologna, Reggio Emilia, Mantova e Verona, giungendo fino alle pendici delle Alpi", precisano i fondatori. L'emittente trasmette (e trasmetterà per tutta la sua esistenza) su 94,800 MHz. Il palinsesto prevedeva inizialmente poche ore di programmazione, replicate più volte nell'arco della giornata, "ma l'entusiasmo, l'impegno e le motivazioni dei collaboratori erano più che evidenti"Il direttore della stazione è Davide Hansen, mentre alla direzione dei programmi vi è  Fabio Arini. In breve tempo, sorsero un po' ovunque tante altre radio private fino ad affollare l'etere e interferire l'una con l'altra, limitando le performance iniziali. Per far fronte alla nuova situazione e non soccombere, "Radio Risposta potenziò il proprio segnale portandolo a 500 Watt e spostò il trasmettitore in montagna, a Faeto di Serramazzoni". Fu questo un grande progresso nella diffusione, poste le enormi potenzialità del sito in altura. Tuttavia, la postazione montana di per sé non bastò a limitare l'ingerenza delle emissioni adiacenti e isofrequenziali da altri territori e l'emittente "dovette passare a 1000 e poi a 2000, per poter coprire il proprio bacino d'utenza". In quel periodo la gestione della radio "divenne ogni giorno più impegnativa in termini di personale qualificato, disponibilità economiche e impiego di attrezzature". Consapevole di tutto ciò e per dare continuità e futuro alla stazione radio, nel 1984 la Chiesa Evangelica di Modena cedette a Voce della Bibbia (da cui aveva ricevuto collaborazione fin dall'inizio) la completa gestione e responsabilità della radio. Attiva dal 1951 in Italia, la Voce della Bibbia era nata come filiale italiana della missione internazionale Back to the Bible. Nel corso degli anni, e in particolare dagli anni Settanta, l'ente aveva contribuito massicciamente alla fondazione, alla crescita ed al consolidamento delle numerose radio evangeliche in Italia e in altri Paesi europei, abbinandovi un'attività di consulenza agli ascoltatori e a un impegno editoriale a sostegno del lavoro radiofonico. Di fatto, si trattava di un supporto per un vero e proprio network di radio evangeliche. Nel 23/08/1990, entrò in vigore la legge 223/1990 e in concomitanza della novella legislativa Radio Risposta si costituì in Associazione senza scopo di lucro per poter ottenere la concessione di carattere comunitario in ambito locale. Ma ogni iniziativa ha la sua epoca e così, al mutare dei tempi e delle esigenze, anche per Radio Risposta giunse il momento di abbandonare l'etere. Il 30/10/2007, ad un soffio dal trentennale, "soprattutto per necessità economiche dell’organizzazione Back to the Bible, da cui dipendeva Voce della Bibbia, Radio Risposta cessava le sue trasmissioni in FM" a favore della neonata Radio Modena - L'informazione, che succede nell'esercizio dell'importante impianto 94,800 MHz di Serramazzoni (con almeno la soddisfazione che il testimone è stato raccolto da un'emittente locale e non già dall'ennesimo network in cerca di espansione). La chiusura delle attività radiofoniche incide anche su quelle collaterali della Voce della Bibbia, che a sua volta, dopo 46 anni, termina la propria esperienza. Nella storia di Radio Risposta rientra però, a questo punto, la Chiesa Cristiana Evangelica di Modena che, in collaborazione con il CEM (Centro Evangelico Modenese), inizia la scrittura di un nuovo iter. Spiega l'ente: "In questi anni la tecnologia ha fatto passi enormi. Quello che era inimmaginabile solo qualche anno fa, ora è possibile. Così il 31 dicembre 2007, dalle ceneri di Radio Risposta FM, nasce Radio Risposta Web. Radio Risposta quindi, è ancora “in onda”, non più nell’etere, ma nella rete. Il suo potenziele uditorio non è più l’ambito locale, ma il mondo intero. Dal 1977 ad oggi sono cambiate tante cose; è cambiata la programmazione, il sound, si sono susseguiti decine e decine di conduttori radiofonici, è cambiata la tecnologia utilizzata da Radio Risposta per farsi ascoltare, ma non il suo obiettivo e il motivo per cui è nata". L'emittente è sintonizzabile alla pagina web www.radiorisposta.org. (M.L per NL)
04/09/2014 15:05
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
E' tragicamente scomparso oggi a Mazara del Vallo (Tp) Giuseppe Romeo, tecnico delle tlc ed ex editore radiofonico siciliano. Romeo stava lavorando insieme al collega Vincenzo Miraglia, rimasto gravemente ferito, su un traliccio di telecomunicazioni, dove era imbragato, che è rovinosamente caduto dopo aver ceduto alla base per ragioni da verificare.
La stazione interregionale Radio Millennium, edita dalla milanese Elite srl, ha aquistato dall'emittente Radio Stella FM di Porlezza (Co), cinque impianti FM facenti servizio sulle province di Como, Lecco e sulla Svizzera Italiana.
Radio Juke Box Lombardia (edita da Cominvest s.r.l.) ha ceduto a One Dance (edita da Radio Lago Uno s.r.l., gruppo Number One) quattro impianti FM a 101,500 MHz nelle province di Como e Lecco.