Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Storia della radiotelevisione italiana. Lazio: la vera genesi di Radio Roma
Il nostro articolo su Radio Roma ha destato molto interesse nell'ambiente radiofonico (non solo laziale). Tuttavia, il pezzo conteneva alcune imprecisioni storiche, che hanno stimolato l'intervento di qualcuno che era presente nel giugno 1975 (data di attivazione dell'emittente, ricordiamo, prima della capitale).
Quel qualcuno è niente di meno che Rosario Pacini, nome di peso nel "dietro le quinte" della televisione privata nazionale, che di Radio Roma - apprendiamo - fu nientemeno che il fondatore. "Devo correggere parte della (vostra) “storia” di Radioroma - così il logo originale - e per farlo sono costretto ad auto-citarmi", ci scrive Pacini. "Dunque, Radioroma debuttò effettivamente il 16 giugno del 1975 (non a caso alle 14, alla chiusura dei seggi elettorali delle elezioni regionali), ma non fu fondata da Virginio Menozzi, col quale peraltro intrattengo tuttora affettuosi rapporti d’amicizia, ma da me. Nel senso che, oltre ad esserne il direttore, detenevo l’80% delle quote (il 20% era dell’amministratore Luciano Pistacchi) della Videorama Servizi Televisivi s.r.l., proprietaria della testata, degli impianti, eccetera. Menozzi aveva fondato Radio Parma che iniziò le trasmissioni regolari il 1° gennaio 1975 (io c’ero). Malatesta era un collaboratore musicale: se non ricordo male curava una trasmissione di rock una volta a settimana. A Menozzi, che molto ci teneva ad essere presente a Roma, cedetti il 40% delle quote nel 1976, il resto a luglio del ’77, quando lasciai anche la direzione della radio. Per quel che ne so, dopo un periodo (per lui) alquanto travagliato, Menozzi affidò a Malatesta la gestione della radio, infine cedendogliene la proprietà in epoca successiva. Recentemente, per tutt’altri motivi, m’è capitato di conoscere il dr. Mariano Amici così apprendendo che aveva da alcuni mesi acquistato e “riacceso” Radioroma per rilanciarla. Dalla vostra notizia apprendo che il progetto si sta realizzando e non posso che rallegrarmene. (Rosario Pacini)"
31/08/2009 11:15
 

Quella mania di riesumare marchi dimenticati....

Pochi mesi fa a Roma è stata rilanciata (forse sarebbe meglio dire, "sarebbe stata") Radio Stand By con l'intento di riportare in vita un marchio che si dice fosse storico (credo siate stati gli unici a darne notizia). Non mi sembra che l'operazione sia particolarmente riuscita... Ora si vorrebbe riesumare la prima radio (per anzianità) di Roma. A che pro, visto che la 103,900 manco si sente nella città che dà il nome alla radio? I ricordi sono belli perché sono tali: riportare in vita il passato quasi sempre produce l'effetto di farli svanire. E' come rivedere i telefilm di Fox Retrò su Sky: quasi sempre si scopre che erano più belli nella nostra memoria...
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
E' tragicamente scomparso oggi a Mazara del Vallo (Tp) Giuseppe Romeo, tecnico delle tlc ed ex editore radiofonico siciliano. Romeo stava lavorando insieme al collega Vincenzo Miraglia, rimasto gravemente ferito, su un traliccio di telecomunicazioni, dove era imbragato, che è rovinosamente caduto dopo aver ceduto alla base per ragioni da verificare.
La stazione interregionale Radio Millennium, edita dalla milanese Elite srl, ha aquistato dall'emittente Radio Stella FM di Porlezza (Co), cinque impianti FM facenti servizio sulle province di Como, Lecco e sulla Svizzera Italiana.
Radio Juke Box Lombardia (edita da Cominvest s.r.l.) ha ceduto a One Dance (edita da Radio Lago Uno s.r.l., gruppo Number One) quattro impianti FM a 101,500 MHz nelle province di Como e Lecco.
Martedì 17 gennaio la Combo Media srl si è aggiudicata il ramo d’azienda “Roma Uno”, emittente televisiva della Capitale. Dopo circa un anno dalla dichiarazione di fallimento, “Roma Uno”, che per quasi tredici anni ha rappresentato un punto di riferimento dell'informazione locale, riprenderà le trasmissioni televisive sul canale 11 del telecomando.