Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Storia della Radiotelevisione italiana. Lombardia, 1978: Radio Mirtillo di Treviglio (Bg)
Radio Mirtillo Fm 99.500 MHz nasce nel maggio 1978 in via Gagliari a Treviglio (Bergamo),in un'ngusta stanza prestata dal giornale locale "La Tribuna".
A fondarla sono: Vittorio Scaravaggi, Luigi Castelli, Sergio Aralla, Massimo Giudici, Mario Colombo, Adriano Ronchi, Giovanni Rozzoni, Mauro Tirloni e Giovanni Cavazzuti, che costituiscono la società cooperativa Radioemissioni Democratiche Trevigliesi a r.l. La radio si sente solo nella città della provincia bergamasca, ma, nonostante le risorse tecniche siano ai limiti dell'essenzialità, grazie all'ofinanziamento dei soci ed agli introiti dell'organizzazione di feste di piazza, lotterie, concerti e castagnate,riesce a sopravvivere in un etere che si sta facendo giorno dopo giorno sempre più affollato e  complicato. Un anno dopo la sede viene trasferita in via Portaluppi 5 e l'emittente fa il salto di qualità dotandosi di un palinsesto strutturato, di una regia più professionale e di nuovi impianti di alta frequenza più performanti, che garantiscono la diffusione del segnale anche nei paesi circostanti a Treviglio: Arcene, Verdello, Caravaggio, Cassano, Rivolta, Mozzanica e Crema. Tra i collaboratori ci sono Tiziano Denti, Ivan, Paola, Piero, Enrico, il regista Vanni, che realizza "Allogallo" un programma demenzial-musicale e Alberto Gullotta un ragazzo siciliano che ha una voce così radiofonica da essere immediatamente reclutato per la realizzazione degli spot pubblicitari. I collaboratori aumentano, i programmi si diversificano, la radio diventa più organizzata. Ben presto viene costituita la redazione giornalistica, composta da Gigi Castelli, Vittorio Scaravaggi, Franco Sullo, Giovanni Cavazzuti, Massimo Giudici, Sergio Aralla e Martino Corti. L'esperienza di Radio Mirtillo dura altri 3 anni, finchè, nel 1982, la cooperativa decide di dare forfait, lasciando spazio alle diffusioni della milanese Rete 105, che si insedia sulla frequenza 99,500 MHz anche in quell'area. Oggi sul web sopravvive il ricordo si Radio Mirtillo grazie ad un blog ad essa dedicato. (R.R. per NL)
08/04/2012 10:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblichiamo in esclusiva per questa rubrica due documenti introvabili per gli appassionati della storia delle prime radio e tv locali italiane.
Il de profundis del monopolio RAI fu intonato per la diffusione su scala locale. Tuttavia una fine elaborazione dottrinale e l'evoluzione sociale, politica e tecnologica consentirono a breve l'estensione dei benefici liberistici all'ambito nazionale.
Il 26 marzo 1927 si firmava una convenzione “tra la Repubblica di San Marino ed il Regno d’Italia per la costruzione e l’esercizio di una ferrovia elettrica San Marino – Rimini e per l’impianto e l’esercizio di una stazione radio telefonica nel territorio di questa Repubblica”.
L'etere piange la scomparsa di due pionieri delle radio e tv libere, rispettivamente nel Piemonte e in Sicilia. A Cuneo è scomparso per un ictus all'età di 68 anni Aldo Regolo.