Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Storia della radiotelevisione italiana. Milano, Radio Press Panda: lo sport su tutto
Radio Press Panda nasce a Milano nel 1979 da una probabile (anche se mai confermata) e curiosa filiazione di Radio Panda di Garbagnate Milanese (località alla periferia nord di Milano), che trasmetteva dal 1976 su 96,600 MHz e 102,450 MHz.
Dopo l'avvio dei programmi da una sede in un seminterrato nella frazione di Rozzano (Mi), Quinto de' Stampi (la prima voce in onda è quella di Mirko Blasi, proveniente dalle esperienze di Radio Condor, Radio Equipe 2 e Radio Ambrosiana), la neoemittente, nel 1982, si trasferisce a Milano continuando ad irradiare programmi musicali appunto su 102,450 MHz da un traliccio su un palazzo in Viale Lunigiana (già utilizzato da NCT Radiotelevisione). La diffusione è monofonica per convivere con un'emissione a 102,400 MHz sul lato opposto della città di un'altra storica emittente: Radio Spazio Milano, con la quale s'innesca un inevitabile contenzioso, tanto che la frequenza si sposta presto a 102,500 MHz, con qualche tentativo di trasmissione più o meno prolungato tra 102,600 e 102,700 MHz in occasione di prolungati fermi di Radio Supermilano (102,700 MHz). La stazione parte con un buon assetto tecnico: giradischi a partenza rapida, microfoni professionali, banco di regia Munter (produttore di apparecchiature broadcast milanese che, all'epoca, si spartiva il mercato radiofonico con Semprini). Programma parecchia informazione (di cui, d'altronde, ha nel nome il seme) e buona musica senza conduttori improvvisati, come invece fa la maggior parte delle radio libere che infestano l'etere milanese della seconda metà degli anni '80. Ma nonostante ciò non riesce ad emergere nel panorama radiofonico meneghino per via dei problemi di sintonizzazione congeniti. Il cambio di rotta si ha tra il 1982 ed il 1983, quando l'editore Domenico Acconciagioco (che ha il suo core business nell'ambiente tipografico e promozionale) decide di investire sul piano tecnico. E lo fa con due ottime operazioni strategiche: prima installando a Civiglio, in provincia di Como (a 1200 metri sul livello del mare) un impianto da 2 Kw a 107,250 MHz (frequenza precedentemente utilizzata a Milano da Radio Derby Milano), posizionata tra Radio Dee Jay (ex Radio Music, FM 107,000 MHz) e Radio Studio Vivo (107,500 MHz) e poi succedendo, nel tardo 1983, alla citata Radio Supermilano sulla frequenza 102,700 MHz (irradiata con 5 Kw dalle torri di Bruzzano, dove è nel frattempo stato delocalizzato il diffusore di Viale Lunigiana) che, a differenza della 102,450/102,500 MHz, consente una buona sintonizzazione sulla città.  Con i due nuovi potenti impianti, Radio Press Panda, anzi Radio Panda Milano, come si farà chiamare in onda da quel momento in poi, è ora perfettamente sintonizzabile in città e nelle province di Como, Milano, Pavia, Varese, Novara sforando anche in quelle di Bergamo, Brescia, Alessandria, Vercelli e Piacenza. Radio Panda Milano è quindi pronta a partire con un palinsesto degno dell'illuminazione di cui dispone. Ricorda Danny Stucchi, attuale direttore artistico di Radio Capital, tra i collaboratori della radio in quel periodo: "Per due stagioni facemmo programmi che ricordano le attuali radio di flusso, con una programmazione english/USA con pochissima italiana, molti dischi nuovi e qualche classico". La radio, da esclusivamente musicale, diviene parlata con un team di conduttori di tutto rispetto: dalle 7.00 alle 10.00 c'è Umberto D'Ambrosio; dalle 10.00 alle 13.00 Willie Moreschi; dalle 13.00 alle 16.00 Angelo Marchesi; dalle 16.00 alle 19.00 Danny Giostrelli (alias Danny Stucchi, ndr) e dalle 19.00 alle 20.00 una concessione al country con Nully J. Evans. "Avevamo jingles per la radio e per noi d.j. realizzati dallo Studio P3 di Milano (il mitico studio di produzione di Enrico Porreca, il P3 di Radio Milano International, ndr) di cui andavamo orgogliosi", sottolinea ancora Danny Stucchi (che ci ha fornito tre esempi che pubblichiamo in calce), che, come riferisce Gianluca Costella (tra i massimi storici della radiofonia milanese, attualmente project manager per Elemedia) "si era distinto sin da allora nell'FM milanese per la sua bravura nel maneggiare le regie automatiche CEPAR PT 21 e PT 28" (di cui era equipaggiata Radio Panda Milano, ndr), tanto che "un punto di forza della radio era la regia automatica che funzionava ottimamente (passaggi disco-jingles-pubblicità)", soprannominata "Mazinga". Tra le gettonate Pandown (hit ufficiale) e Pandance (10 brani più ballati in discoteca), l'emittente si concentra molto sull'informazione ed è tra le poche che dispongono di un collegamento ANSA con telescrivente per garantire agli ascoltatori un notiziario ogni ora, dalle 7.00 alle 20.00, affidato alla voce del giornalista-direttore Walter Milani. New Iprad s.a.s., la società proprietaria della stazione, pubblicizza l'emittente attraverso TVR Lombardia (e TVR Italia poi), rivista periodica contenente i dati di tutte le radio e tv lombarde (e italiane dopo) da essa stessa edita. Gli studi sono situati in Via G.B. Morgagni 29 a Milano, in zona Corso Buenos Aires, ma nel 1984 verranno trasferiti in un seminterrato in Via Algardi, in zona Fiera. Di lì, tra i tanti, passano anche Max Pagani (poi d.j. a Radio Peter Flowers), Micky Micheli (poi a Radio Superstar 106), Leonardo Boriani (giornalista della carta stampata), Ugo Savoia (giornalista del Corriere della Sera), Bruno Longhi (giornalista sportivo), Walter Marcheselli (giornalista sportivo), Ruben Buriani (calciatore del Milan).  Il punto di forza di Press Panda è lo sport: l'emittente propone alla domenica le cronache del Milan, curate da Carlo Pellegatti e Ruben Buriani, e della Simac (di cui detiene l'esclusiva), coi radiocronisti Federico Buffa e Flavio Tranquillo. Sempre di domenica, risultano particolarmente seguiti il programma Punto rossoneroazzurro, con Luca De Angelis e Anticipazioni della domenica calcistica con Gruno Longhi. Durante la settimana numerose sono le rubriche di approfondimento sportivo, come Speciale Sport (in onda tutti i giorni), Simacmania (il venerdì) e Centrocampo (il sabato), insieme a programmi sull'ippica, sulla pesca e su altre discipline sportive. Nel 1985, però, ha luogo un nuovo cambio di rotta: la radio così fatta costa troppo e Accongiagioco decide di concentrarsi su sport e musica, concedendo la seconda attraverso la citata regia automatica di ultima generazione, quindi senza conduzione. Della nuova partita è Luca Galli (nella foto d'apertura al banco regia dell'emittente), che, arrivato all'apertura della radio dopo un'esperienza a Radio Milano Ticinese (la radio di Gino Bramieri), l'aveva lasciata per altri lidi. A Galli spetta il compito di conciliare sul piano tecnico l'anima sportiva della radio con quella musicale. Ricorda sorridendo: "L'editore pretendeva che ci mettessimo il camice bianco stile RAI; ma mi fece il marchio di Magic Recording Studio (lo studio di registrazione di Luca Galli che nella seconda metà degli anni '80 fu tra i più gettonati in Italia, ndr) e lo pubblicizzò su TVR insieme ai programmi di Bob Stewart e Benny Brown che producevamo". Ma nonostante i tagli, la pubblicità (che pure non manca) non riesce a coprire gli ingenti costi della radio, ragion per cui,  nei primi mesi del 1986, la New Iprad decide di accettare l'allettante offerta del bergamasco Angelo Zibetti, cui ormai andava stretta la frequenza 88,650 MHz acquisita qualche tempo prima da Radio Milano Ticinese per far illuminare la città alla sua Radio Zeta (che è già presente sui 102,700 MHz a Bergamo). E così, mentre Radio Panda Milano esce dall'etere, vi fanno ingresso Radio Zeta (cui è ovviamente destinato l'impianto 102,700 MHz di Milano, mentre la frequenza 88,650 MHz sarà dedicata al fugace progetto Studio Zeta Dancing prima di essere ceduta a Italia Network) e Discoradio (107,250 MHz). (M.L. per NL)
 
 
P.s.: la Radio Panda originaria, quella di Garbagnate Milanese è ancora in attività (su 96,300 MHz).
P.s. 2:  si ringraziano per... i ricordi: Gianluca Costella, Danny Stucchi, Mirko Blasi e Luca Galli.

 

20/11/2010 07:40
 

Radio Press Panda

Mi piacciono tantissimo queste ricostruzioni storiche di emittenti più o meno famose di cui purtroppo si sono perse le tracce e non si ha più notizia nemmeno su Internet. Di Radio Panda Milano ricordo bene l'antenna in Viale Lunigiana: un traliccio, se non ricordo male a sezione triangolare, altissimo su uno stabile a vetri. In occasione del nubifragio che si rovesciò su Milano nel 1985, il traliccio cadde e forse in quell'occasione fu trasferito a Bruzzano. Se non ricordo male Radio Press Panda occupò la postazione preesistente di Via Lunigiana di NCT Radiotelevisione (mi sembra FM 100,2 MHz e VHF E)
 
P.M. 

NL

Press Panda e NCT

NCT: la radio me la ricordo fatta piuttosto malino… se non erro fx mono 100.2 MHz. Ricordo Fausto Terenzi che andava in onda anche in tv (radiovisione stile Tele Milano International) la tv (vhf E) trasmetteva in b/n monoscopio con audio radio o riprese delle diretta radio .Il monoscopio era identico a quello di Audiovision, Telenova e Noveco 51 (cartello ripreso da telecamera).
 
GC

 

NL

NCT Milano

Collaboravo con NCT all'avvio delle trasmissioni (1976). Eravamo in Via Lunigiana 46 e trasmettavamo a FM 100,3, tanto che avemmo qualche problema con Free Radio 100,5 (che era nata prima di noi) e poi con Radio Delta Barona 100,4 (che aveva avviato le trasmissioni dopo). La frequenza poi fu spostata a 100,25 e forse negli ultimi tempi era a 100,2. Se non ricordo male, da noi iniziò anche Daniele Sassi (la voce di Nonsolomoda).
 
Claudio

NL

Radio Milano 1 e la voce misteriosa

Mi affascinano le ricostruzioni delle vicende delle radio libere milanesi e quindi voglio contribuire. Forse non tutti sanno che prima della Radio Milano 1 delle Messaggerie Musicali (2001), era esistita in città un'altra emittente con tale nome tra la fine degli anni '70 ed i primi anni 80. Si trattata di una radio che trasmetteva su 91,500 MHz (300 w 4 dipoli Aldena) poi passata a 91,400 MHz nel 1982, di cui invio uno spezzone di trasmissioni. Vediamo se qualcuno riconosce la voce del dj d'apertura (suggerimento: è diventato un nome famoso del settore, anche se ha smesso da allora di andare in onda).
 
Ciao a tutti. MM
 

NL

Radio Milano 1 -1980 e la 2^ voce misteriosa

Beh, per quanto riguarda la voce del dj in apertura è quella di Costella....vediamo se qualcuno riconosce la voce del  dj dello station break.....dando un aiuto a Gianluca.....mi facevi la regia a Radio Cosmo durante la Hit parade del sabato pomeriggio alle ore 15.00. Radio Milano 1 era in via Losanna a Milano, 300 watt di potenza, che alla sera venivano spenti permettendo l'ingresso in frequenza di Radio Base, se ben ricordo da Lentate sul Seveso.

La 2^ voce misteriosa di Radio Milano 1

Corrado, grande estimatore (e superesperto) di musica funk e soul nonchè bellissima voce...ex Miradio "novesettequattro" e Radio Centro Milano 94,350 MHz...
 
GC

NL

Il mitico Studio P3

Nell'articolo si parla del "mitico Studio P3 di Enrico Porreca". Spero allora di farvi una cosa gradita inviandovi una pubblicità molto datata di quello studio.
Ciao e a presto.
 
Carlo
 

NL

NOTIZIE CORRELATE
Pubblichiamo in esclusiva per questa rubrica due documenti introvabili per gli appassionati della storia delle prime radio e tv locali italiane.
Come anticipato circa un anno fa su queste pagine, è stata completata l'installazione dell'antenna più alta della città di Milano. Sopra la torre Isozaki è infatti stata issata, su un supporto di 40 metri (che porta l'altezza del grattacielo a 247 metri dal suolo), una collineare di 8 dipoli (cfr. foto) che ospiterà i segnali RAI in FM.
Il de profundis del monopolio RAI fu intonato per la diffusione su scala locale. Tuttavia una fine elaborazione dottrinale e l'evoluzione sociale, politica e tecnologica consentirono a breve l'estensione dei benefici liberistici all'ambito nazionale.
Il 26 marzo 1927 si firmava una convenzione “tra la Repubblica di San Marino ed il Regno d’Italia per la costruzione e l’esercizio di una ferrovia elettrica San Marino – Rimini e per l’impianto e l’esercizio di una stazione radio telefonica nel territorio di questa Repubblica”.