Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Storia della radiotelevisione privata italiana: Emmanuel Television di Ancona

Per il nostro consueto appuntamento storico, ci spostiamo questa settimana nella Marche del 1968. Il portale Storia radio tv dell'amico Massimo Emmanuelli fa risalire la nascita di Emmanuel Television al 14 giugno 1968, quando, ad Ancona, Sergio Emmanuele Anastasio posa il primo cavo tra la sede di via Mazzini, al numero civico 170, ed alcuni locali pubblici.
Sul monoscopio c’è l’acronimo Csc (Centro Studi Cinematografico, cioè il nome della scuola dove insegna Sergio Anastasio) e la sigla Tele Emmanuel. Inizialmente Tele Emmanuel manda in onda un film al giorno (quando la Rai ne mandava in onda uno alla settimana, il lunedì sera sul primo canale, l’odierna Raiuno), ma con l’inizio degli anni ’70 Emmanuel Television trasmette quotidianamente cinque film. Scrive Emmanuelli raccogliendo un'intervista del fondatore: “Erano tutti film mai mandati in onda dalla Rai, che trasmetteva pellicole vecchie di 20 anni”.  E’ con il 1973 che Anastasio, dopo avere dato vita anche ad un’emittente radiofonica sperimentale (prima sui 93,5 MHz, poi sui 102 MHz), fa comparire la scritta Tele Radio Emmanuel – Csc.  Novità anche per la tv: l’emittente inizia a proporre un tg locale (TG Adriatico) condotto dallo stesso Anastasio, documentari e programmi culturali, per ragazzi, che vedono quale regista il fondatore.  Grande successo, sempre in ambito locale ha Telescuola, quiz fra le scuole anconetane. A condurlo è la professoressa di italiano e storia ad Ancona Bianca Maria Carletti: Due classi si sfidano in prove ginniche e di cultura generale nella palestra della scuola. Il 14 luglio 1974 l’emittente inizia a trasmettere via etere irradiando i suoi programmi dal canale uhf 53, illuminando, allorquando l'impianto sarà delocalizzato dalla sede cittadina di Corso Mazzini al Monte Conero, un'area compresa (complice l'assenza di altri segnale) tra la Puglia e il Friuli Venezia Giulia (ovviamente godendo della posizione geografica strategica, sulla costa adriatica). Oltre ai programmi già proposti via cavo, inizia una rubrica di approfondimento dei fatti del giorno, in onda dopo il tg, il programma Una poesia per voi, nel corso del quale lo stesso Anastasio legge le poesie dei telespettatori. E, ancora, una rubrica religiosa, telefilm (rigorosamente importati dall’America, in primis Bonanza), Essere e non essere rubrica di psicologia e conoscenza dell’essere umano (altra passione di Anastasio) in onda il giovedì sera, e, ancora, programmi musicali, documentari realizzati dal fondatore o acquisiti negli USA e addirittura doppiati dal deus ex machina dell’emittente. Nei primi tempi la stazione diviene anche relay di alcuni programmi di Telecapodistria e della tv Svizzera Italiana i cui segnali Anastasio riesce a ricevere intercettando altre tratte di collegamento. All'inizio del 1980 l'emittente assume la denominazione di Emmanuel Radio Tv, ma la chiusura è dietro la porta. Nel 1982, dopo nove anni indimenticabili e tante trasmissioni che sono rimaste nel cuore degli anconetani, Emmanuele Anastasio conclude la sua attività di editore. Ma il pioniere tornerà in onda, questa volta come opinionista dai toni sopra le righe, su Galassia Tv, emittente che in un certo senso sarà l'erede di Emmanuel Television. (M.L. per NL)
24/01/2009 18:14
 
NOTIZIE CORRELATE
"È emergenza continua a Ètv Marche", dichiara la Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI) che informa che ieri, ad Ancona, "si è riunita l’assemblea dei dipendenti di Canale Marche Srl, proprietaria dell’emittente. E i lavoratori non hanno potuto far altro che prendere atto delle gravi pendenze economiche ancora non evase dall’azienda".
Pubblichiamo in esclusiva per questa rubrica due documenti introvabili per gli appassionati della storia delle prime radio e tv locali italiane.
I giornalisti, tecnici ed impiegati delle emittenti televisive locali del gruppo Spallanzani di Reggio Emilia, Rete7 ed È Tv Marche (controllata), da due mesi senza stipendio ed a rischio chiusura, hanno indetto per la giornata di oggi uno sciopero di 4 ore con manifestazione di protesta davanti la sede della proprietà.
Pubblicata la determina del 17/11/2016 con la quale il Ministero, dopo che il precedente bando non aveva condotto alla assegnazione del canale UHF 58, ha assegnato tale risorsa.
Per la prima volta a Busto Arsizio un mostra che documenta la nascita delle televisioni private. Dal 19 novembre al 3 dicembre 2016 lo spazio polifunzionale di Bottega Artigiana in via Zappellini, 4 ospiterà una rassegna dedicata alle due televisioni nate, l’una a Busto Arsizio e l’altra a Legnano, che hanno fatto la storia dell’emittenza privata italiana: TeleAltoMilanese e Antenna3 Lombardia.