Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Svizzera, radio digitale, DRS: radiogiornali regionali in DAB+
I radiogiornali regionali della DRS potranno presto essere captati anche in digitale. Il Consiglio federale ha autorizzato la SSR a trasmettere i radiogiornali regionali servendosi di una nuova rete DAB+.
Parallelamente ha avviato il processo di abbandono della modalità analogica per la diffusione via cavo dei programmi televisivi della SSR. Il Consiglio federale ha posto nella concessione le basi giuridiche che permetteranno alla SSR di colmare le lacune presenti a livello di copertura digitale e di trasmettere i radiogiornali regionali via DAB+. Nel mese di dicembre di quest'anno è infatti previsto l'inizio delle trasmissioni nella zona Zurigo-Argovia-Sciaffusa-Glarona. Entro la metà del 2016 se ne prevede l'estensione alla totalità delle zone regionali. Nell'aprile dello scorso anno l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) ha rilasciato a SwissMediaCast AG (SMC) la concessione di radiocomunicazione per una nuova rete DAB+. La rete sarà costituita da sette zone di copertura regionali nella Svizzera tedesca e consentirà, non soltanto alla SSR ma anche alle emittenti radiofoniche private, di rendere accessibili a un pubblico su scala regionale i propri programmi trasmessi in digitale. Il Consiglio federale ha inoltre creato le premesse affinché gli operatori delle reti via cavo possano ridurre a medio termine i programmi televisivi d'obbligo diffusi in analogico e passare progressivamente all'esclusiva diffusione in digitale. La riduzione del corrispondente obbligo per i programmi televisivi privati è già stata integrata nella revisione dell'ordinanza sulla radiotelevisione nel giugno 2012. Sotto la spinta di una digitalizzazione sempre più pervasiva, la ricezione analogica dei programmi televisivi è in forte diminuzione. Per gli esercenti delle reti via cavo, che trasmettono i programmi televisivi sia in modalità analogica che digitale, permane tuttavia l'obbligo di trasmetterne alcuni in entrambe le modalità. L'obbligo di diffusione causa, in concomitanza con l'ampliamento dell'offerta digitale, problemi di capacità. Per incentivare la digitalizzazione e semplificare il compito degli operatori delle reti via cavo, il Consiglio federale ha ora posto i fondamenti per un progressivo abbandono della tecnologia analogica. Il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) potrà ridurre gradualmente l'obbligo di diffusione nel settore analogico, a patto che un numero crescente di economie domestiche passi alla tv digitale. A questo proposito, occorrerà segnatamente ponderare gli interessi del pubblico e degli esercenti delle reti via cavo.
01/11/2012 06:35
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
“Non vi sono frequenze sufficienti per permettere l’avvio del digitale a regime nei 23 bacini non ancora pianificati”; a dirlo non è uno dei tantissimi scettici del DAB+, la radio “digitale”, ma Marco Rossignoli, coordinatore di Aeranti-Corallo, supporter della tecnologia numerica terrestre di radiodiffusione sonora.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".