Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Switch-off nord Italia. Tv locali sul piede di guerra: se non si risolve questione frequenze, a settembre in DTT su canali attuali
Settimana prossima dovrebbe essere pubblicato il Piano di assegnazione delle frequenze digitali revisionato da un'Agcom in burrasca. A seguito d'indiscrezioni, già si sa, però, che muteranno molte cose rispetto ad oggi.
A parte l’introduzione di reti k-SFN, in deroga al principio iniziale del single frequency network assoluto (per i privati), varieranno le frequenze del dividendo (che diventerà più appetibile) e le assegnazioni ad alcuni operatori di rete nazionali. Il tutto, ovviamente, a danno delle emittenti locali. O almeno questo è quanto sostengono gli editori areali, che non ci stanno e minacciano guerra giudiziaria e tecnica. Sul primo fronte, infatti, già nel prossimo mese di luglio potrebbero essere notificati centinaia di ricorsi al TAR contro il nuovo Piano delle frequenze, che inevitabilmente saranno seguiti da istanze cautelari di sospensione dell'efficacia dei provvedimenti amministrativi in occasione delle assegnazioni dei diritti d’uso per i canali digitali nell’Area Tecnica 3 (Lombardia, con esclusione della provincia di Mantova, dal Piemonte orientale e dalle province di Parma e Piacenza). Ai ricorsi contro il Piano si aggiungeranno, inevitabilmente, le impugnazioni degli specifici provvedimenti di assegnazione agli operatori dell’AT3, che si preannunciano molto restrittive, un po’ per la superficialità con cui è stato condotto l’accertamento sugli impianti esistenti in Lombardia e un po’ per i limiti che la scarsità di risorse frequenziali a disposizione implica. Il tutto inasprito dalla valutazione oggettiva che alle locali finiranno avanzi frequenziali conseguenti alla selezione effettuata per i nazionali e per il dividendo, con una disponibilità oltremodo limitata dalla previsione della destinazione, dal 2015, dei canali dal 61 al 69 UHF allo sviluppo della tecnologia Wi-Max. Per la seconda linea di fuoco, le stazioni locali starebbero poi pensando – e questa sarebbe l’iniziativa più dirompente – addirittura di boicottare lo switch-off, passando sì al DTT integrale, ma sulle frequenze già esercite (quelle attuali). Un’ipotesi che, di fatto, annienterebbe l’intero processo. Ma lo scioglimento del nodo gordiano delle frequenze non è l’unica richiesta di editori locali infuriati più che esasperati: sul tavolo c’è anche la spinosa vicenda dei logical channel numbers (LCN), la cui soluzione preventiva alla migrazione dell’AT3 è considerata imprescindibile, per scongiurare il collasso delle imprese televisive esistenti per azzeramento della presintonizzazione. Insomma, un’estate che si annuncia, televisivamente parlando, incandescente. (A.M. per NL)
24/06/2010 19:40
 

La zappa sui piedi

Capisco la necessità di creare scompiglio ma arrivare ad affermare che le locali potrebbero switchare nell'area tecnica 3 utilizzando il medesimo canale dell'analogico non è affermazione che corrisponde alla serietà di questo periodico. Le prime a rimetterci sarebbero le emittenti medesime, come se già non fossero abbastanza penalizzate.
Il ritardo nella comunicazione del nuovo PNAF è probabilmente dovuta al fatto che si sta cercando di capire, mediante concertazione con i paesi limitrofi, come lascare alle locali i ch 32 e 42, attualmente forieri di problemi con i paesi confinanti.
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.