Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tariffe postali Editoriali: Romani e Tremonti firmano il decreto
Il ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani ed il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, hanno firmato il decreto che ridefinisce le tariffe postali per la spedizione dei prodotti editoriali.
Il decreto aveva ricevuto già nelle scorse settimane il parere positivo del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Informazione e all’Editoria, Paolo Bonaiuti. Le nuove tariffe saranno applicabili, secondo il decreto, dall’1 settembre 2010. Giunge così a conclusione la delicata questione delle tariffe postali per l’editoria dopo l’accordo che era stato raggiunto qualche tempo fa tra le associazioni degli editori, in particolare la Fieg, Federazione italiana editori giornali, l’Uspi, Unione stampa periodica italiana, l’Anes, Associazione nazionale editoria specializzata, la File, Federazione italiana liberi editori, la Fisc, Federazione italiana stampa cattolica e Poste Italiane. Il decreto, che sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, consentirà di ottenere tariffe postali compatibili sia con le esigenze degli editori sia con i vincoli generali di bilancio pubblico.
21/10/2010 18:49
 
NOTIZIE CORRELATE
"Esprimo soddisfazione per l’approvazione da parte del Governo dell’ordine del giorno in favore delle tv locali”. E’ quanto ha affermato la senatrice Adriana Poli Bortone, cofondatrice di Grande Sud.
Per il digitale terrestre, il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca scrive al ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani e al presidente Agcom (l'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni) Corrado Calabro' chiedendo di "rinviare almeno al 2012 lo switch-off delle Marche per evitare pesanti conseguenze alle emittenti locali e ai cittadini".
Il cda della Rai ha dato il via libera unanime ad una diffida al ministero dello Sviluppo Economico per il pagamento di circa un miliardo e trecento milioni di euro che costituisce la differenza tra quanto incassato dal canone e quanto speso per prodotti di servizio pubblico tra il 2004 e il 2010.
Finché ha funzionato, cioè fino all'estate 2010, abbiamo tratto diversi spunti dai suoi intelligenti e pungenti post. Poi il blog è entrato in stallo e la decisione assunta ieri di cessare definitivamente le pubblicazioni crediamo non abbia colto alla sprovvista nessuno.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso oggi disponibili online il bando ed il disciplinare di gara per l’assegnazione di diritti d’uso di frequenze in banda televisiva per sistemi di radiodiffusione digitale e terrestre conformemente a quanto previsto dal Regolamento dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni n. 497/10/CONS.