Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tecnologia e informazione. Al Jazeera lancia Aj+: news e informazione attraverso app
 
Nessun legame diretto con l’emittente del Qatar e nemmeno con Al Jazeera America: la nuova applicazione vivrà grazie al sostegno di 60 giornalisti e collaboratori in contatto con la redazione di San Francisco.
La nuova frontiera dell’informazione passa per un’app e si adatta alle abitudini dei giovani che vivono in maniera simbiotica con i loro smartphone: Aj+ permetterà infatti di avere accesso ad un servizio di informazione online incentrato su attualità, cultura ed eventi nel mondo, a cui si aggiungono quiz, sondaggi e la possibilità per gli utenti di chattare. La nuova app del gruppo del Qatar è diretta a una clientela che mastica l’inglese e che è in possesso di dispositivi mobili Apple (non è da escludere però che a breve possa approdare anche sui sistemi operativi Android e Windows Phone), a cui vengono proposti videonotizie e contenuti on demand. Gli utenti a loro volta hanno modo di rilanciare sui social network preferiti, da Facebook a Instagram, da Twitter a Vine, le informazioni apprese. Come ha dichiarato Yaser Bishr, direttore generale responsabile della strategia e dello sviluppo di Al Jazeera, “il nuovo servizio è dedicato a persone che non possiedono la tv e il cui consumo d’informazione inizia e finisce sui dispositivi mobili. L’intento è quello di cambiare non solo il modo in cui le notizie vengono raccolte e prodotte, ma anche quello in cui vengono consumate”. Il personale impegnato su Aj+ è diviso in due squadre: l’una deputata alla realizzazione dei contenuti e l’altra che si occupa invece del coinvolgimento degli utenti, i millenials, compresi nella fascia d’età 18-34 anni, preda ambita dall’editoria digitale. “I cambiamenti principali stanno nel flusso del lavoro. Diamo molta rilevanza al team che si occupa di coinvolgere gli utenti e ai nostri giornalisti sul campo, che ci rendono unici. Seguo personalmente l’applicazione - ha aggiunto poi Bishr – e tutto ciò che gli ruota attorno, il modo di raccontare una storia. Il cambiamento è nel modo in cui operiamo”. Nelle scorse settimane Aj+ ha raggiunto e superato i 7 mln di contatti, senza attività di marketing a supporto, “e questo indica che c’è un’audience là fuori che sta cercando questo genere di contenuto”. (V.R. per NL)
 
22/09/2014 10:24
 
NOTIZIE CORRELATE
Al Jazeera dovrà rinunciare a 500 dipendenti, l’11% di tutto l’organico della tv qatariota: i tagli del personale andranno a colpire in prevalenza il quartier generale di Doha, più che i 70 uffici di corrispondenza distribuiti in giro per il mondo.
Al Jazeera dà il via all’esperimento web radio per smartphone con un’app dedicata. Lanciata il 4 febbraio, è stata pensata per andare incontro agli utenti con connessione ad internet limitata.
Per la fine di aprile è prevista la chiusura di Al Jazeera America, la tv via cavo qatariota lanciata in pompa magna nel 2013 e in onda dopo l’acquisto di Current Tv, di proprietà di Al Gore, per 500 mln di dollari.
Lo sbarco di Al Jazeera negli Usa nello scorso anno non ha ottenuto i risultati sperati: come certificato da Nielsen, le trasmissioni sono seguite da appena 15 mila telespettatori in prima serata.
La tv del Qatar, attiva sul terreno del continuo sviluppo di canali sportivi, pare essere il giusto partner di Mediaset nella battaglia contro l’impero di Rupert Murdoch: appesa la racchetta al chiodo, il patron di Sport Italy, Nasser Al Khelaifi, potrebbe dare un contributo significativo.