Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Telecom Italia, Bernabè: non serve aumento di capitale per gestire frequenze dividendo esterno. Dubbi sulla disponibilità delle frequenze tv 61/69 UHF fra 18 mesi
Telecom Italia non ha bisogno di un aumento di capitale per sostenere l'acquisizione e gli investimenti nelle frequenze 4G.
A dirlo, in un'intervista a Il Sole 24Ore, è il presidente esecutivo del gruppo telefonico Franco Bernabè che inoltre smentisce l'interesse di Telecom per un'acquisizione di Tre Italia, rimasta fuori dalla partita per l'assegnazione delle frequenze di nuova generazione. "Non serve nessun aumento di capitale. Gli investimenti saranno spalmati su cinque anni e Telecom ha le risorse per far fronte al costo delle frequenze e agli investimenti necessari per sviluppare la rete", risponde Bernabè ad una domanda riguardo la richiesta dell'associazione dei piccoli azionisti Asati di ricapitalizzare l'azienda per cinque miliardi di euro. Il numero uno di Telecom riconosce comunque che "si pone un problema di compatibilità con gli altri investimenti", considerando che l'intera partita 4G, tra acquisto delle frequenze e sviluppo della rete, costerà agli operatori italiani (oltre a Telecom, Vodafone e Wind) quasi 10 miliardi di euro. "Il punto sarà accelerare il più possibile il processo e mettere a reddito gli investimenti" prosegue Bernabè, che lamenta il fatto che le frequenze saranno disponibili "forse" tra 18 mesi. "Se le frequenze fossero state disponibili subito, anche tenuto conto del prezzo, gli operatori avrebbero avviato con prontezza gli investimenti, dando impulso alla domanda e al rilancio dell'economia. Invece abbiamo pagato per qualcosa che non c'è, in un quadro di grande incertezza. Il rischio è l'immobilismo".  Secondo Bernabè la "durissima" gara per le frequenze di nuova generazione ha comunque mostrato che sul mercato italiano non c'è posto per quattro operatori. "Ha un senso industriale che il mercato della telefonia mobile si razionalizzi" spiega il manager, che puntualizza tuttavia come "razionalizzare il mercato non significa che Telecom sia intenzionata a comprarsi Tre", su cui "non abbiamo ambizioni di prendere iniziative". (Reuters)
 
 
07/10/2011 06:41
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.