Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Telecomunicazioni: in crescita negli USA, in ritardo in Europa
La relazione annuale sull’economia digitale, compiuta dall’istituto Idate, fotografa la situazione delle telecomunicazioni: automatico il confronto tra USA ed Europa.
Infatti, gli Stati Uniti sono in pieno boom tecnologico, guidato dai colossi Verizon e AT&T, mentre l’Europa del Gsm sembra aver vita breve. Gli USA hanno fatto tesoro della ripresa delle telecomunicazioni, recuperando il ritardo di qualche anno fa nel radiotelefono, e puntando su Apple e Google-Android. I dati sono evidenti: il colosso americano AT&T è cresciuto del 2,3% nel primo trimestre e Verizion ha superato le attese. La crescita meritata e conservata, grazie agli smartphone e gli introiti da dati, ha conquistato in toto il mercato dell’Internet mobile superando nettamente i tempi dell’Europa. Il vecchio continente soffre da diversi anni una crescita prossima a zero e tarda, se non perde, l’opportunità di rivalersi sulla tecnologia di Microsoft e Netscape attraverso Internet mobile. Alla base del trionfo delle telecomunicazioni d’Oltreoceano ci sono ingenti investimenti nelle infrastrutture di nuova generazione, le quali hanno permesso di monetizzare gli stessi. Secondo Idate, il 2010 delle telecomunicazioni Usa ha segnano ricavi legati al traffico dati in rialzo del 20% e ha visto l’introduzione delle tariffe a forfait in funzione del consumo di megabyte da parte di AT&T e Verizon. L’Europa, con ricavi in crescita solo del 10%, è giustificata dal fatto che gli operatori europei si battono su mercati più difficili, alimentati da una forte concorrenza, sempre più efficacemente regolamentata. Inoltre, un aumento di tariffe comporterebbe la fuga di clienti. Le telecomunicazioni europee si trovano, quindi, quasi immobilizzate nel mercato odierno, nel quale la convivenza di operatori mobili (tre o quattro per ogni mercato nazionale) diventa sempre più difficile. Al contrario, gli USA vivono sulla coesistenza su scala locale di un operatore tlc e di uno via cavo, guadagnando maggiori margini di manovra e quindi di crescita. (C.S. per NL)
28/04/2011 10:29
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Si allontana ancora un po’ la cessione da parte di Yahoo di buona parte delle sue attività al gruppo di telecomunicazioni statunitense Verizon.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.