Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Telefonia. Agcom vs H3g. Nell’occhio del mirino già Tim e Wind

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha avviato un procedimento sanzionatorio, verso H3g (o più comunemente chiamata 3) per inottemperanza alla diffida del 20 luglio scorso in merito all'adeguamento alle disposizioni europee sulle tariffe per i servizi dall'estero.
Lo ha dichiarato l'Authority tramite una nota che puntualizza come questo terzo procedimento vada “ad aggiungersi a quelli già avviati nei confronti di Tim e Wind per inottemperanza alle diffide del 31 maggio”. Le diffide in esame intimavano ai tre operatori l’adozione di misure adeguate ad assicurare “il pieno rispetto delle disposizioni europee in materia di tariffe del servizio di roaming al dettaglio”. I procedimenti prendono le mosse dall’attività di vigilanza dell’Autorità sulla corrispondenza delle tariffe applicate dagli operatori mobili ai consumatori italiani, per i servizi fruiti all'estero. Dalle verifiche eseguite si è evinto che gli operatori Tim, Wind e H3G attualmente non rispettano le prescrizioni europee del Regolamento UE 2015/2120. Il regolamento europeo, in vista della tariffa unica europea ("Roam Like At Home") in vigore dal 15 giugno 2017, delinea infatti un periodo di tipo transitorio in cui l’operatore è tenuto a rispettare un tetto massimo del costo di roaming (oltre la tariffa nazionale) da applicare al consumatore nel momento in cui utilizza il cellulare in altri paesi dell'UE per avviare telefonate, inviare un messaggio o collegarsi online. Sempre dalla nota ufficiale diramata dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni si apprende che “i procedimenti sanzionatori comportano per gli operatori l’obbligo di dimostrare la cessazione della condotta contestata e l’avvio delle procedure di rimborso agli utenti danneggiati”. Questo passaggio della nota è di indubbio interesse poiché lascia intendere che, una volta terminato il procedimento dell’AGCOM contro TIM, Wind e 3 Italia, le sanzioni potrebbero essere piuttosto pesanti. E fattore ancora più importante, gli utenti interessati potranno avanzare richiesta di congruo rimborso al proprio operatore. Si può supporre che l’eventuale rimborso che TIM, Wind e 3 dovranno versare ai propri utenti molto probabilmente equivarrà alla differenza fra quanto pagato con le tariffe flat e quanto avrebbero dovuto pagare gli utenti con la tariffa in linea con le più recenti direttive dell’UE. (S.F. per NL)

16/08/2016 07:07
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
L'indagine di customer satisfaction promossa dal Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom FVG) nell'anno 2016, che aveva lo scopo di misurare il gradimento degli utenti in merito all'attività di conciliazione obbligatoria in materia di controversie telefoniche, internet e pay tv, ha restituito un quadro molto lusinghiero del servizio offerto.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.