Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Telefonia low cost con le piattaforme web: abbattimento del canone e costi decisamente inferiori per parlare con tutto il mondo
Con il web chiamare costa meno: Google, Messagenet e Skype aiutano a comunicare risparmiando, battendo la concorrenza degli operatori tradizionali.
La telefonia su internet è sempre più economica e vantaggiosa: oltre alla telefonia Voip per eccellenza, Skype, scaricabile gratuitamente su pc, cellulari, iPhone, smartphone e palmari oggi è possibile comunicare con l’iPhone attraverso iTunes. Le frontiere del web abbracciano la telefonia, conquistando gli utenti, senza dubbio attirati dalla convenienza e fruibilità del servizio. Le novità, dunque, non mancano: Google, infatti, offre la possibilità di effettuare telefonate Voip verso i contatti della propria casella Gmail, grazie all’opzione “chiama telefono”. Il servizio, già attivo negli Usa, approda in Italia (ancora in fase di ottimizzazione) in versione limitata e permette di chiamare gratis gli utenti di Google e a tariffe economiche qualsiasi numero di telefono. Abolendo lo scatto alla risposta tale novità del web lancia una vera e propria sfida a Skype che, sia per le chiamate verso i fissi che verso i cellulari addebita un costo aggiuntivo di 4,5 centesimi di euro, arrotondando le telefonate al minuto successivo. Verso i fissi invece, l’azienda del motore di ricerca più utilizzato supera lievemente la tariffa della piattaforma di Microsoft: 2,4 centesimi al minuto contro i 2,2 di Skype. Il vantaggio è, invece, guadagnato per quanto concerne le chiamate verso i cellulari italiani: 28,8 centesimi di euro di Skype (prezzo medio al minuto) contro 13,2 di Google. 390 mila utenti invece sfruttano l’operatore italiano Messagenet, che permette di disporre di un numero di telefono gratuito, attraverso il quale chiamare via pc o cellulare. Così gli utenti Messagenet comunicano gratis, mentre le chiamate verso cellulari italiani sono a 11,8 centesimi di euro al minuto, senza scatto alla risposta, senza arrotondamenti e calcolate al secondo di conversazione. La vera new entry, però, rimane l’applicazione per iPhone “Time to Call” (firmata Vonage), che permette di telefonare utilizzando la Rete servendosi del dispositivo Apple. Gli utenti possono chiamare 190 paesi nel mondo in modalità pay per call: se la conversazione dura meno di 15 minuti si risparmia fino al 90% rispetto alle tariffe delle principali compagnie di telefonia mobile. Chiamate internazionali verso fissi e cellulari low cost e senza vincoli di abbonamento: l’applicazione si scarica gratuitamente direttamente da iTunes, sul quale conto verranno addebitati i costi delle chiamate. Ancora una volta web e tecnologia promuovono la comunicazione, riducendone le spese e garantendo risparmio, flessibilità e sicurezza. (C.S. per NL)
05/09/2011 16:15
 
NOTIZIE CORRELATE
L'indagine di customer satisfaction promossa dal Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom FVG) nell'anno 2016, che aveva lo scopo di misurare il gradimento degli utenti in merito all'attività di conciliazione obbligatoria in materia di controversie telefoniche, internet e pay tv, ha restituito un quadro molto lusinghiero del servizio offerto.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
Ha oggi tre giorni di vita la Wind Tre Spa, azienda nata dalla fusione di Wind e 3 divenuta effettiva il 31/12/2016, e primo operatore del settore mobile con 31 mln di utenti attivi.