Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Televoto, Codacons contro: scarsa trasparenza e schermate con informazioni enigmatiche e torbide

Il Codacons torna nuovamente a denunciare il sistema del televoto, stavolta in relazione alla ritenuta "scarsa trasparenza dei messaggi informativi che appaiono in sovraimpressione durante le varie trasmissioni, e che dovrebbero fornire indicazioni circa i costi e le modalità del servizio". "Le schermate sul televoto che appaiono in tv e che invitano i cittadini a votare sono enigmatiche e torbide - ha affermato il Presidente Codacons, Carlo Rienzi - Le condizioni e i costi del servizio sono esposti in caratteri microscopici e con scarso contrasto cromatico, e appaiono solo per pochi secondi in sovraimpressione, rendendo la lettura quasi impossibile. Situazione questa che non consente di assicurare la piena trasparenza del televoto e al contempo di garantire gli utenti". Il Codacons avrebbe monitorato non solo le dimensioni, ma anche i tempi dell'informativa sul televoto, giungendo a delle conclusioni lapidarie. "Ad esempio per quanto riguarda il "Grande Fratello', il tempo statico delle scritte in sovraimpressione si aggira sui 4 secondi, e durante la trasmissione serale mediamente la permanenza dell'informativa in video è attorno ai 36 secondi. Nelle fasce pomeridiane dell' "Isola Dei Famosi', invece, l'informativa appare in video per un tempo medio di 2 secondi, e solo nella schermata prima dello stacco pubblicitario aumenta a 5 secondi", ha denunciato l'associazione dei consumatori, che si è così rivolta all'Autorità per le comunicazioni, "chiedendo di intervenire a tutela della trasparenza e a garanzia dei telespettatori, redigendo un regolamento che preveda, per la messa in onda dell'informativa sul televoto, l'utilizzo di caratteri più grandi con una esposizione maggiore in termini di durata, al fine di consentirne la piena lettura e comprensione".

25/03/2010 20:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.
Attraverso il provvedimento in titolo l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha fissato le misure della contribuzione dovute per l’anno 2017 dai soggetti operanti nei settori delle comunicazioni elettroniche e dei servizi di media, nonché le modalità di versamento e il modello telematico per la dichiarazione dei dati (che sarà pubblicato con successivo provvedimento).
L'Agcom ha dato conto delle modifiche apportate alla delibera n. 666/08/CONS a seguito dell’entrata in vigore della legge 232/2016.