Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tetto pubblicità pay-tv: passa lo straniero. Dietro-front del governo: decreto, ma senza parte che riguarda limite più basso (del 12%)
Doppio successo per Sky. Ricevuta l'autorizzazione dal MSE-Com, stasera parte Cielo sul vettore DTT Rete A (Gruppo L'Espresso), mentre Sky Italia tira un altro sospiro di sollievo alla notizia che il viceministro al MSE Paolo Romani starebbe ripensando ai tetti pubblicitari per le pay-tv nel decreto che sarà presentato al cdm di domani.
A quanto si è appreso il decreto, inserito alla direttiva Ue Tv senza frontiere, sopravvivrebbe, ma dopo una ampia sforbiciata e comunque senza la parte che riguarda un limite più basso (12%) per le pay tv. Il cambio di rotta di Romani sarebbe dovuto, sostanzialmente, a due motivi. Il primo è che il ministro delle Politiche europee Andrea Ronchi avrebbe sottolineato l'eccesso di delega per il provvedimento sulle tv inserito appunto nella direttiva Ue; il secondo discende dalle perplessità del sottosegretario Gianni Letta, che avrebbe rimarcato - come avevamo evidenziato ieri su queste pagine - che stante la delicatezza della materia, sarebbe stato poco opportuno far riaprire contenziosi sul tema del conflitto d'interessi e di tv. Intanto esulta il PD, che aveva duramente contestato il progetto di decreto ritenuto pro Mediaset. Così Paolo Gentiloni: "Bene l'eliminazione dal decreto dell'operazione sui tetti pubblicitari Sky. Ora mi auguro che le stesse preoccupazioni, sia per l'eccesso di delega evidente nella bozza di decreto, sia per l'altrettanto evidente conflitto di interessi, portino a eliminare i numerosissimi altri articoli che è inaccettabile consegnare a un decreto attuativo della direttiva sul 'product placement'".
16/12/2009 17:53
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.