Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tg1, Paolo Serventi Longhi (FNSI): “La Vigilanza esprima una mozione di censura sull'operato del direttore”
''La Commissione di vigilanza della Rai esprima una mozione di censura sull'operato del direttore del Tg1'': lo ha chiesto l'ex segretario della Federazione nazionale della stampa, Paolo Serventi Longhi, oggi, a Ruda (Udine), a un convegno regionale dello Spi-Cgil.
''Non è possibile disinformare ogni sera milioni di cittadini - ha detto Serventi Longhi - solo ed esclusivamente per assecondare il potente che guida il Paese''.  Nel ricordare che il 75% degli italiani si fa un'idea politica sulla base delle notizie diffuse dai tg pubblici e non, Serventi Longhi ha spiegato che ''proprio per questo il ruolo della stampa è fondamentale. La popolazione deve essere informata correttamente e non a senso unico. È inammissibile assistere impassibili agli editoriali del direttore del Tg1 e per questo serve una mozione di censura da parte della Commissione di vigilanza della Rai''. Serventi Longhi ha parlato anche del conflitto di interessi criticando i governi di Centrosinistra ''che non hanno fatto nulla o poco su questo versante. Noi lo avevamo richiesto e oggi - ha detto - il Paese ne subisce le conseguenze. Per evitare che passi la legge 'bavaglio' serve però una mobilitazione del paese che è al quarantesimo posto nel mondo - ha concluso Serventi Longhi - per libertà di stampa''. (ANSA)
09/09/2010 19:04
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”