Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
The Berlin International Freedom of Expression Forum (Berlino, 28 febbraio – 2 marzo 2012). Censura e liberta´ despressione: la rivoluzione dei new media come strumento di liberta´?
Alla fine di questo mese, l'Institute for Cultural Diplomacy, una organizzazione non governativa e senza scopo di lucro con sede a Berlino, in Germania (www.culturaldiplomacy.org), ospitera´ la prima edizione di quello che si annuncia essere un appuntamento annuale con l´International Freedom of Expression Forum.
Per quattro giorni, nella cornice dell´ICD House e delle sale del Parlamento tedesco, giornalisti, attivisti, blogger, esperti di comunicazione e accademici discuteranno del presente e del futuro della liberta´ d´informazione nel mondo. L'audace obiettivo degli organizzatori, vale a dire il News & Press Department dell´Institute for Cultural Diplomacy, e´ quello di offrire una panoramica di come le rapide e continue trasformazioni del mondo dell´informazione stiano influenzando I concetti, sia a livello prettamente teorico che concreto, della liberta´ di stampa e della liberta´ d´espressione. Cosa vuol dire davvero liberta´ d´informazione? Forse un´informazione priva da qualsiasi legame o influenza da parte di terzi, siano essi governi, lobby, associazioni di categoria o aziende multinazionali? Se e´ cosi´, allora, esiste davvero un´informazione davvero priva di condizionamenti esterni e indipendente?  I new media, i social media, i blog che nascono in tutto il mondo come funghi e che fanno informazione di nicchia – salvo trasformarsi in alcuni casi in fenomeni editoriali o di costume – o controinformazione, sono uno strumento per scardinare i sistemi mediatici tradizionali e quindi contribuiscono a garantire maggior pluralismo oppure creano un flusso potenzialmente infinito di informazione che finisce per confondere gli utenti creando tante, tantissime vertia´ differenti tra le quali e´ difficile districarsi o farsi un´idea? Di tutto questo e del ruolo del giornalista come filtro dell´informazione e quindi della conoscenza (specie in contesti di lontananza geografica, come quello in cui agiscono I reporter di guerra) saranno tema del “Berlin International Freedom of Expression Forum”, una quattro giorni di conferenze, panel discussion e interazione tra un folto gruppo di relatori, che annovera giornalisti della BBC, di Associated Press, Axel Springer, NBC News, Wall Street Journal e Fox News (e altre testate minori) e attivisti di organizzazioni impegnate nella difesa dei diritti umani e della liberta´ di stampa, come Reporter senza Frontiere, con un pubblico costituito in gran parte da blogger e giovani che si affacciano sul mondo dell´informazione. La conferenza si terra´ interamente in inglese e tra i relatori italiani spiccano il Prof. Carlo Sorrentino, ordinario di Epistemologia della Comunicazione e Comunicazione Pubblica all´Universita´ di Firenze, Ricardo Franco Levi, ex sottosegretario con delega all´editoria dell´ultimo governo Prodi e Daniele Mastrogiacomo, reporter di guerra e giornalista di Repubblica, rapito nel 2007 in Afghanistan. Per prendere parte all´evento potete inviare la vostra Call for Application direttamente all´Institute for Cultural Diplomacy, cliccando su questo link: www.culturaldiplomacy.org/gphr/index.php?en_rifef-2012_application-form
09/02/2012 16:04
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Come noto, ai sensi del c. 1 dell’art. 1 della L. 62/2001, per “prodotto editoriale” si intende “il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.
A Palazzo Pirelli cronisti e forze dell’ordine a confronto: il mondo dell’informazione cambia e stare al passo richiede sforzi congiunti.