Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
T.I. Media (La7): soffia il vento dell’Opa. Nasce il terzo polo? Portavoce Rcs smentisce interesse a La7
Piazza Affari sembra non avere più dubbi sul fatto che T.I.Media sia ufficialmente entrata nella fase delle grandi manovre. L’azionista Telecom I., scrive il quotidiano MF, ha d’altro canto fatto capire che le cose si stanno realmente muovendo.
Dopo l’ennesima indiscrezione circolata su un possibile accordo con L’Espresso, lunedi’ non ha negato la sostanza delle voci limitandosi però a precisare che “allo stato si tratta di mere ipotesi di lavoro”. E se la casa editrice controllata dalla Cir ha bollato l’indiscrezione quale “fantasia che tale rimane”, la Consob non ha esitato ad avviare indagini sul movimento anomalo dell’azione T.I.Media. Il faro puntato dalla Commissione guidata da Giuseppe Vegas adesso resterà acceso fino a che le acque non si saranno calmate e fino a che i protagonisti della vicenda non avranno chiarito il vero stato dei colloqui in corso. Resta il fatto che Telecom Italia ha in essere un mandato conferito a Mediobanca per valutare tutte le opzioni finalizzate a valorizzare la controllata: a occuparsene è il team guidato dal presidente Renato Pagliaro. A cio’ bisogna aggiungere che di recente Carlo De Benedetti, presidente del gruppo L’Espresso, e Franco Bernabe’, presidente plenipotenziario di Telecom I., si sarebbero incontrati almeno due volte. (MF-DJ)
 
 
09/06/2011 05:24
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.