Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TI Media: prosegue trend negativo. Focus su costi in nuovo piano. In CdA aggiornamento su processo dismissione. Stella abbandona, Salvemini al suo posto con Ghigliani ad
Un nuovo piano con un'attenzione particolare ai costi. È il mandato che i manager di Ti Media hanno ricevuto dal cda «sulla base delle prime evidenze dei risultati consolidati a novembre, che confermano il trend negativo in termini operativi e di indebitamento già evidenziato a settembre».
Su questa base, si legge in una nota, il cda «ha dato mandato al management di elaborare un piano mirato al miglioramento della situazione economico finanziaria, anche attraverso un programma di contenimento dei costi». Nel corso della riunione, precisa inoltre Ti Media, è stata presentata al Consiglio una relazione del Comitato Endoconsiliare con un aggiornamento sul processo di dismissione in corso, «in coerenza con quanto comunicato da Telecom Italia in data 6 dicembre 2012».(ANSA)
 
 
 
13/12/2012 18:34
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.
Valorizzare gli ascolti in netta crescita e migliorare il fatturato: questo è l’obbiettivo di Urbano Cairo per quanto riguarda il 2017.
Tempi d’oro per Urbano Cairo e la sua La7, che godono dei risultati derivanti dall’aver scommesso sull’informazione e l’approfondimento politico nel disegnare il proprio palinsesto.
Un ottobre d’oro per Canale 5 che, con uno share nelle 24 ore del 16,80%, supera Rai 1 (15,8%) grazie ad alcune prime serate di successo (come il Grande Fratello Vip) e al palinsesto nella fascia pomeridiana.