Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc, banda larga mobile, Ibarra (Wind): operatori mettano in comune frequenze e antenne
Gli operatori della telefonia mobile dovrebbero mettere in comune le frequenze e le reti per la nuova rete a larga banda. Lo ha detto Maximo Ibarra, Ad di Wind, parlando con i giornalisti a margine del convegno Italia+Smart in corso a Capri.
"Io sono convinto al mille per cento che ci sia la consapevolezza di tutti gli operatori del mobile sulla necessità di mettere in comune in una società ad hoc le frequenze, pagate a caro prezzo, e le reti, poi la concorrenza sarà sul servizio", ha detto il manager della compagnia telefonica che fa capo al gruppo Vimpelcom. A Ibarra è stato chiesto di commentare le dichiarazioni di Franco Bernabè, Ad di Telecom Italia, che ha auspicato un consolidamento fra i numerosi operatori mobili in Europa. Il manager ha risposto che "il consolidamento si può fare anche ad un livello più basso, appunto mettendo in comune le strutture". Per l'ad di Telecom Italia, Marco Patuano, l'idea di mettere a fattor comune parte delle rete non è da scartare ma va valutato con attenzione che cosa si può mettere insieme. "Se parliamo dei tralicci e delle frequenze, l'idea è molto interessante, ma a condividere la rete mobile bisogna fare molta attenzione", ha risposto il manager sul progetto di Ibarra. Sulla ipotesi di società della rete, per la telefonia fissa, Ibarrra ha spiegato che è necessario ci siano, oltre a Telecom Italia, anche un soggetto pubblico, Metroweb (società della rete che fa capo al fondo F2i) e i concorrenti dell'incumbent. (Reuters)
08/10/2012 07:23
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.