Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TLC. Banda ultralarga, Bei possibile finanziatore fibra Enel

Sembra proprio che tra i finanziatori del piano di Enel Open Fiber per la banda ultralarga, che potrebbe arrivare a valere 4 mld di euro, potremmo presto annoverare anche la Banca europea per gli investimenti.
La banda larga è uno dei settori prioritari di intervento della Bei – ha recentemente dichiarato il vicepresidente della Bei Dario Scannapieco – “Abbiamo già finanziato diversi progetti in Italia, anche quelli di Telecom. Ci sono contatti, ma al momento è ancora prematuro parlarne. Vediamo come sarà la struttura finanziaria dell’operazione che sta progettando Enel e poi decideremo”. Il piano di investimenti di Enel Open Fiber ammonta per le aree A e B, rispetto alle prime 224 città, a 2,5 mld. Ma può tranquillamente raggiungere i 4 mld di euro se si sommano quelli per le aree C e D e le coperture delle aree B residue. Il piano della newco di Enel prevede che l’operazione sia alimentata per un terzo con equity e per due terzi con la leva finanziaria, e proprio in questo quadro rientra l’eventuale impegno della Bei. Nel frattempo, pochi giorni addietro, si sono diffuse vari rumors sull’eventuale uscita di F2i dal capitale di Metroweb con la cessione della propria quota a Enel Open Fiber. A lanciare la voce era stata l'agenzia Mf Dow Jones, secondo cui la decisione del fondo trainato da Renato Ravanelli sarebbe già stata comunicata ai vertici di Enel e a quelli della newco. Ma a poche ore dalle indiscrezioni di stampa già ampiamente diffuse, è giunta una nota di smentita del Fondo firmata dall'AD Ravanelli: “Nessuna decisione è ancora stata assunta da F2i né per quanto concerne la cessione della maggioranza di Metroweb detenuta dal Primo Fondo, né per quanto attiene all’eventuale investimento del Secondo Fondo nel nuovo progetto nazionale di cablatura delle aree A e B e, attraverso gare, delle aree C e D”. In definitiva è attesa a giorni una decisione in merito, vista la scadenza dell'offerta esclusiva di Enel fissata al 3. Secondo numerose voci in circolazione, il 53,8% attualmente detenuto da F2i in Metroweb passerà di mano per un valore che dovrebbe essere calcolato sulla base dell’offerta da 816 mln di euro avanzata dalla società guidata da Francesco Starace per l’intero capitale della compagnia milanese e ritenuta dagli azionisti di Metroweb più vantaggiosa di quella di Telecom Italia. In soldoni, circa 440 mln di euro. L’obiettivo prefissato da Enel (fondere Metroweb ed Eof) passerà dunque per l’uscita definitiva del fondo. Accantonata la seconda ipotesi, ossia un aumento di capitale tramite il quale Enel avrebbe diluito la partecipazione di F2i fino a una quota vicina al 25%. L’offerta esclusiva di Enel scade il 3 luglio, ma non si esclude una proroga utile a sciogliere anche il nodo Fastweb. La società è difatti socio di Metroweb al 10,6% con una clausola di lock up a scadenza 2017, ma potrebbe concordare il passaggio di mano in cambio di un inserimento negli accordi già siglati da Enel con Wind e Vodafone. Per quanto concerne il nodo delle città già cablate da Fastweb, l'A.d. di Enel Open Fiber Tommaso Pompei avrebbe ricevuto dalla società controllata da Swisscom la richiesta di tariffe agevolate sulle linee secondarie, ossia quelle che collegano l’armadio alla sede fisica del cliente. (S.F. per NL)
29/06/2016 06:59
 
NOTIZIE CORRELATE
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.
Consiglio e Parlamento, nel corso del 'trilogo' con la Commissione europea, hanno raggiunto un accordo politico sull'uso delle frequenze di 700 Mhz per i servizi mobili che sara' disponibile per la banda larga facilitando l'introduzione dei dispositivi 5G entro il 2020.
Dopo la firma degli accordi di programma e delle convenzioni operative tra il Mise e le Regioni interessate è stato pubblicato da Infratel Italia Spa il bando di gara per la costruzione e gestione di infrastrutture passive per la banda ultralarga nelle aree bianche delle regioni Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia e della Provincia autonoma di Trento.
Il prossimo 14 luglio nell'ambito della Federal Communications Commission (FCC) verrà votata la proposta Spectrum Frontiers, con cui potrebbero essere assegnati alla tecnologia 5G fino a 14 GHz dello spettro radioelettrico.