Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc: Etno, prezzo accesso alla rete sia coerente con obiettivi agenda digitale
Il prezzo di accesso alle reti di telecomunicazioni in rame ha un impatto diretto sullo sviluppo delle reti di nuova generazioni in fibra.
E' questo il messaggio di uno studio condotto da Plum Consulting che Etno, l'Associazione degli operatori europei di telecomunicazioni, ha presentato ieri nel corso di un workshop a Bruxelles.? "Il prezzo dell'accesso alle reti telecom in rame e' un elemento fondamentale per determinare le condizioni dello sviluppo delle reti ad alta velocita' - ha dichiarato Luigi Gambardella, Chairman di Etno - Come evidenziato dallo studio condotto da Plum, abbassare i prezzi di accesso alla rete in rame scoraggia gli investimenti nelle reti di nuova generazione: innazitutto perche' incoraggia gli operatori a perpetuare le richieste di accesso alla rete in rame, e in secondo luogo poiche' avrebbe un impatto negativo in termini di business case, rendendo i livelli di prezzo per la banda larga ultra veloce bassi in modo distorsivo". "Etno - ha sottolineato Gambardella - si augura che i contenuti dello studio presentati oggi a Bruxelles contribuiranno a far si' che le policy europee sulla definizione dei costi siano indirizzate ad un reale incoraggiamento degli investimenti".? Lo studio presentato oggi considera un aspetto molto importante per il raggiungimento degli obiettivi della Commissione europea, cioe' le metodologie di costo per l'accesso alle reti di telecomunicazioni, su cui l'esecutivo sta elaborando una raccomandazione.? Il rapporto giunge a tre conclusioni principali: le condizioni competitive del mercato devono tener conto della fase di transizione dall'accesso tramite in reti in rame all'accesso tramite reti in fibra, considerando anche la presenza di tecnologie alternative come il cavo o le tecnologie wireless, un approccio alla definizione dei prezzi del rame vhe supporti la migrazione dei clienti verso le nuove reti, un approccio alla definizione dei prezzi della rete in fibra flessibile, che tenga conto dell'incertezza della risposta della domanda agli investimenti in fibra? (Adnkronos)
 
05/04/2011 20:29
 
NOTIZIE CORRELATE
L'indagine di customer satisfaction promossa dal Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom FVG) nell'anno 2016, che aveva lo scopo di misurare il gradimento degli utenti in merito all'attività di conciliazione obbligatoria in materia di controversie telefoniche, internet e pay tv, ha restituito un quadro molto lusinghiero del servizio offerto.
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Ha oggi tre giorni di vita la Wind Tre Spa, azienda nata dalla fusione di Wind e 3 divenuta effettiva il 31/12/2016, e primo operatore del settore mobile con 31 mln di utenti attivi.
Tempi certi, ma solo per finta: così si può riassumere la relazione approvata dalla commissione industria del parlamento europeo e redatta dalla vicepresidente Patrizia Toia e che, sostanzialmente, chiede la possibilità di ritardare le tempistiche previste dall’Unione per la cessione delle frequenze della banda 700 MHz dalle televisioni alle telco.