Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. Gli eccessi italiani: dalla politica tivucentrica alla privazione di risorse UHF pro web (oltre necessità)
 
"Abbiamo tutti frequenze sulla banda 700 Mhz. E tutto a un tratto ti trovi a dover migrare da un'altra parte, senza tener conto che se le società di telecomunicazioni che vogliono ottenere più clienti si devono basare sui contenuti, che poi sono al centro della nostra attrattività, visto che li produciamo noi broadcasters".
Le parole, tra un misto di scoramento e d'insofferenza, sono del presidente Mediaset Fedele Confalonieri, che le ha pronunciate in occasione del consesso della Confindustria Radio Tv. I Senza considerare, che i giganti del web capitalizzano guadagni «senza sottostare alle regole degli editori tradizionali, restituendo pochissimo al sistema Paese in occupazione e tasse", gli fa eco il presidente della federazione, Rodolfo De Laurentis, che chiede "di poter competere ad armi pari con regole nuove ed eque». De Laurentis, sollecitando una riduzione dei privilegi ai superprovider di internet, ricorda come il settore media abbia perso negli ultimi 5 anni "3,4 miliardi di euro, -35% rispetto al 2008", mentre "Apple ha fatturato nel 2013 170 miliardi di dollari (35 volte il fatturato di Mediaset) e Google 60 miliardi di dollari (17 volte)», senza considerare che «La capitalizzazione in borsa di Apple è oggi comparabile alla metà del valore complessivo della borsa italiana, ma in alcuni momenti in passato lo ha equiparato». Di qui la richiesta di «poter competere ad armi pari con regole nuove ed eque» con i superplayer del web, che «capitalizzano guadagni senza sottostare alle regole degli editori tradizionali» e che, secondo il Garante della Privacy, hanno raggiunto un potere «sottratto a qualunque regola democratica». La critica del vertice del Biscione riassume tutta la contraddizione di una politica nostrana che fino a pochissimo tempo fa era palesemente tivucentrica, ma che nel giro di un battito d'ali di farfalla si è convertita a quello che è stato identificato come un bene di prima necessità, cioè la connessione al web. Banda, banda e ancora banda; da rastrellare in ogni pertugio dello spettro elettromagnetico. Capacità forse in eccesso, se è vero - come è vero - che le risorse frequenziali acquistate all'asta del dividendo esterno (i canali 61-69 UHF) non sono praticamente ancora state sfruttate per il lancio della tanto strombazzata tecnologia LTE. Che infatti è ancora un'utopia. E' la solita Italia degli eccessi: prima da una parte, con governi piegati agli interessi del piccolo schermo, e poi dall'altra, con esecutivi pronti a saltare sul carro del (apparente) vincitore tecnologico. (M.L. per NL) 
 
12/06/2014 07:11
 

Tlc & Tv: il crimine non paga

Che tristezza nel vedere certa gente vittima delle sue stesse regole. Regole che (purtroppo) sono sempre le stesse da 40 anni a questa parte. Si parte col Far West in cui in assenza di regole il grande mangia il piccolo, poi quando le regole si fanno si fa in modo di legalizzare quel che c'è, ovvero i superplayer dettano legge e si prendono tutto a discapito dei più piccoli. E' successo con Berlusconi/Mediaset (business) vs TV locali (passione). Regole per dare 5 mux a qualcuno, un mux (ingestibile) ad altri, neiente a qualcun'altro, e soprattutto nessuna possibilità per nuovi operatori di entrare nel mercato. Ora, sfruttando quelle stesse regole, i grandi operatori internet e telefonici stanno mangiandosi i "piccoli" gruppi come Mediaset... E anche stavolta la gente li difenderà al grido "Google dà un servizio di alta qualità, completo, mica come quelle schifezze piene di pubblicità e senza più programmi appetibili." Mi verrebbe da scrivere "giustizia è fatta"; ma la giustizia si realizzerà solo quando un imprenditore serio e capace avrà i mezzi giuridici per partire da 0 e arrivare a fare concorrenza a Microsoft solo grazie alle sue capacità e al duro lavoro.

Bruno

NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.