Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. Google vuole entrare in Virgin Galactic per lanciare internet via satellite
 
Google si prepara a sbarcare nello spazio con un'operazione ai limiti della fantascienza per connettere il pianeta con un network di satelliti per azzerare (o quasi) le lucrose ampie aree di digital divide.
La notizia viene dalla Gran Bretagna, dove la stampa ha reso noto che il gigante di Internet e' in trattative con l'impero della Virgin di Richard Branson per comprare una quota di Virgin Galactic, l'affare da 1,2 miliardi di sterline (circa 1,5 miliardi di euro) con l'obiettivo di organizzare viaggi turistici nella stratosfera e anche oltre. Annunciata per prima da Sky News, la notizia dell'accordo tuttavia non specifica bene la quota di Google, che potrebbe comunque essere, secondo il Daily Telegraph, attorno ai 17,8 milioni di sterline (circa 22,3 milioni di euro) mentre e' chiaro l'obiettivo finale del motore di ricerca: lanciare nello spazio una flotta di satelliti per riuscire a portare Internet in tutte quelle parti del mondo che mancano di una connessione. Una tecnologia, del resto, molto piu' a buon prezzo rispetto a quella che riguarda l'impianto di reti di comunicazione via cavo. Dalla parte di Google, il progetto di Virgin Galactic di iniziare a spedire, con un suo mezzo, il LauncherOne, satelliti nello spazio. Non è tuttavia da escludere nel business di Google possa anche esserci il turismo: i mezzi della Virgin Galactic sono al momento in fase di sperimentazione. Branson progetta di portare le persone oltre l'atmosfera, a un prezzo di circa 200mila dollari a testa (circa 148mila euro). Diverse star come la coppia Brad Pitt e Angelina Jolie, cosi' come altri attori e lo scienziato Stephen Hawking, hanno gia' espresso la loro volonta' di viaggiare nello spazio grazie a Virgin Galactic. (E.G. per NL)
 
14/06/2014 10:55
 
NOTIZIE CORRELATE
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.