Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc, Guidi (MSE): indispensabile rafforzare mercato unico digitale europe
 
“Riteniamo indispensabile portare a compimento l’iter degli atti per rafforzare il Mercato Unico Digitale Europeo. Il Governo italiano agirà da facilitatore tra gli altri Stati membri, per una visione comune nel settore delle telecomunicazioni e dell'innovazione tecnologica”.
Il Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi (foto), ha illustrato nei giorni scorsi al Digital Venice gli obiettivi che si intendono conseguire nel settore delle tecnologie digitali durante il Semestre di Presidenza italiana del Consiglio europeo. All’evento ha partecipato, tra gli altri, il Commissario Ue per l’Agenda Digitale, Neelie Kroes. “La Digital Assembly di Venezia – ha spiegato il Ministro Guidi - è la prima occasione ufficiale in cui possiamo ribadire tutto il nostro interesse a valorizzare il potenziale delle tecnologie, per perseguire un’industria 4.0 in Italia e in Europa, favorire una crescita con occupazione e cogliere da subito parte di quel dividendo di 4,2 trilioni di dollari che, da qui al 2016, si stima possa essere prodotto dall’Economia Digitale a livello globale”. Il Ministro ha spiegato che “l’evento Digital Venice si colloca in un momento di transizione epocale, in cui l’Europa deve mutare identità, e divenire una grande piattaforma che favorisca la crescita e l’occupazione”. Ha quindi illustrato alcuni elementi che evidenziano la portata del cambiamento in atto. Innanzitutto il fatto che negli ultimi 20 anni, i settori industriali che sono cresciuti di più al mondo sono quelli che hanno fatto l’uso più estensivo e intelligente della tecnologia. Inoltre, dopo un lungo periodo di delocalizzazione legato alla competitività della manodopera, nel prossimo futuro sarà il lavoro a basso costo a essere “spiazzato” da una nuova ondata di innovazioni. Mestieri che finora sembravano “protetti” potranno essere “replicati” da macchine assai più intelligenti delle attuali. Infine, è possibile ipotizzare che si salveranno quei lavori con un tasso di originalità e di valore aggiunto elevatissimo e solo nella misura in cui “saranno immaginate soluzioni organizzative, finanziarie, di policy che rendano possibile integrare – e non sostituire – uomini e tecnologie”. Il Ministro Guidi ha poi evidenziato le misure su cui, nel prossimo semestre, si focalizzerà l’attenzione del governo. Innanzitutto sulla trasformazione delle Città e delle Comunità Intelligenti in Laboratori per la crescita dell’Economia Digitale e poi sulla diffusione delle tecnologie e della cultura digitale all’interno di tutti i settori imprenditoriali, attraverso misure che innalzino il livello di utilizzo delle tecnologie nei processi produttivi ed organizzativi e producano un balzo verso un modello industriale 4.0. E poi sul sostegno alla generazione e alla crescita dimensionale di startup innovative ad alto valore tecnologico in ambito digitale, attraverso condizioni sempre più favorevoli in ambito fiscale, burocratico e finanziario. Da ultimo, sull’educazione per favorire la diffusione delle competenze digitali e promuovere la cultura tecnico scientifica. (E.G. per NL)
13/07/2014 08:11
 
NOTIZIE CORRELATE
Come è noto nei giorni scorsi sono stati pubblicati dalla DGSCERP del Mise i provvedimenti con cui, ai sensi del bando del 02/05/2016, sono state approvate le graduatorie dei fornitori di servizi media audiovisivi per il servizio televisivo digitale terrestre relativi alle regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia e Puglia.
Il Ministero dello Sviluppo Economico interviene sulle indiscrezioni di stampa pubblicate nei giorni scorsi a riguardo di un presunto fallimento dell'operazione "canone RAI in bolletta", secondo le quali quasi un italiano su due non avrebbe provveduto al versamento, con punte del 60% al Sud.
Via libera al primo bando per la realizzazione della rete nelle aree bianche, quelle cioè a fallimento di mercato: con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale possono partire le procedure per gli interventi nelle prime sei regioni (Abruzzo, Molise, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana e Veneto) con le quali si sono chiusi specifici accordi di programma e relative convenzioni operative per l’utilizzo dei fondi FESR e FEASR. Entro l’estate partiranno i bandi per tutte le altre regioni.
Il Mise ha apportato alcune modifiche minori alla prima versione del decreto riguardante il canone Rai nella bolletta elettrica, ottenendo stavolta l’ok dal Consiglio di Stato; leggermente rivisitata la definizione dei dispositivi e inserito un articolo sulla privacy.
Online sul sito del Ministero dello Sviluppo economico le linee guida sui criteri e le modalità che saranno adottati "per la formazione di graduatorie regionali di operatori di rete televisivi operanti in ambito locale".