Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc: L'Espresso confida nel lavoro dell'Agcom
Mai come in queste settimane il settore editoriale e televisivo e' stato in fermento. Non bastasse l'agitazione per la possibile vendita de La 7 e per altri possibili rafforzamenti degli accordi tra colossi come Espresso e Sky, scrive MF, sta per scoppiare una nuova grana legale.
E' quella legata al sistema di numerazione dei canali sulla piattaforma digitale terrestre (Lcn), approvato tempo fa dall'Autorita' per le Comunicazioni e ora bocciato in parte dal Consiglio di Stato per alcuni vizi procedurali che hanno contestato l'assegnazione dei tasti 8 e 9 rispettivamente a Mtv e DeejayTv. La faccenda sembrerebbe di poco conto, se non fosse che su quei numeri si potrebbe giocare il futuro assetto del telecomando con nuovi ingressi, come nel caso di Cielo, braccio digitale di Sky Italia. Dal giorno in cui MF-Milano Finanza ha rivelato i profili di un possibile accordo proprio tra il network di Rupert Murdoch e la corazzata di Carlo De Benedetti e' passata piu' di una settimana e la nuova Agcom di Angelo Marcello Cardani e' gia' al lavoro per cercare di sbrogliare in 120 giorni (ma alla fine si arrivera' alla prossima primavera) l'intricata matassa della numerazione che tanto tempo aveva preso alla passata autorita' sollevando polemiche a non finire soprattutto tra le televisioni locali (che hanno appunto impugnato al Tar e a Palazzo Spada il provvedimento). E' in gioco molto piu' che il nuovo assetto della televisione, forse un nuovo organigramma dell'editoria italiana; comprensibili quindi fermento e preoccupazioni. (MF Dow Jones)
19/09/2012 13:49
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.