Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. Oggi presidente Agcom presenterà relazione annuale in parlamento. Argomenti caldi: beauty contest, dividendo esterno e reti NGN
Il beauty contest per le frequenze del digitale terrestre, l’asta per quelle destinate agli operatori mobili e la nuova rete tlc in fibra ottica.
Sono questi alcuni degli spunti più attesi della Relazione annuale dell’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni che il presidente Corrado Calabrò, in quello che potrebbe essere il suo ultimo appuntamento davanti al Parlamento (scade a maggio del prossimo anno) presenterà oggi alla Camera. Calabrò auspicherà tempi rapidi per la realizzazione del beauty contest - si attende il via libera dall’Ue, dopo la trasmissione a Bruxelles del bando da parte del ministero dello Sviluppo Economico - ma anche per l’asta competitiva per i servizi di comunicazione in banda larga mobile, da cui il governo conta di ottenere 2,4 miliardi. Su quest’ultima gara, in particolare, i problemi non mancano: a cominciare dalla liberazione delle frequenze da parte delle tv locali, senza la quale, secondo molti osservatori e a giudizio degli stessi operatori, il valore dell’operazione non potrà che scendere. Attesa c’é anche per quanto dirà Calabrò in merito alla rete di nuova generazione, alla luce del recente scontro tra il presidente esecutivo di Telecom Italia, Franco Bernabé, e il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani: oggetto del contendere il ruolo della newco pubblico-privata che dovrebbe realizzare la rete nelle zone meno remunerative, ma anche le regole che l’Agcom deve mettere a punto per evitare un rafforzamento dell’ex monopolista. Sul fronte tv, dopo il periodo caldo delle elezioni amministrative che ha visto l’Autorità in prima linea, la Relazione toccherà sicuramente i temi del pluralismo, con accenni alla par condicio e probabilmente anche alla situazione della Rai. Come da tradizione Calabrò fotograferà la situazione del mercato televisivo, in cui si consolida la tripartizione tra Rai, Mediaset e Sky, mentre Internet, i new media e i social network non riescono a scalfire il predominio della tv in termini di ripartizione delle risorse e di formazione del consenso. Il presidente dell’organismo di garanzia richiamerà con forza anche la questione dell’indipendenza dell’Agcom e della necessità di preservarla e rafforzarla, come prevedono tra l’altro le più recenti direttive europee in materia di comunicazioni, ancora da recepire. (fonte ANSA)
 
 
14/06/2011 05:57
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha prorogato oggi di 7 giorni il termine per la presentazione delle istanze di partecipazione alla procedura di selezione comparativa per l’assegnazione di 86 frequenze asincrone in onde medie, originariamente collocato al 15/03/2017.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.