Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. Onde come "fusilli": moltiplicano i canali di trasmissione
In uno studio pubblicato sul "New Journal of Physics", ricercatori italiani dell'università di Padova, guidati da Fabrizio Tamburini, hanno dimostrato la possibilità di ottenere più canali su una sola frequenza radio grazie a un particolare tipo di onde che procedono su un percorso spiraleggiante che i ricercatori stessi, per darne un'idea tridimensionale, hanno battezzato "a fusillo", come la famosa pasta.
"In una prospettiva tridimensionale", spiega Tamburini, "questa fase a spirale sembra un fascio a forma di fusillo. Ognuna di queste onde attorcigliate può essere generata in modo indipendente, propagata e rilevata persino nella stessa banda di frequenza, comportandosi come canale di comunicazione indipendente". I ricercatori hanno effettuato una dimostrazione sperimentale, lo scorso luglio, trasmettendo due onde radio attorcigliate, nella banda dei 2,4 GHz ,quella che viene utilizzata Wi-Fi, sulla distanza di 442 metri da un faro sull'isola di San Giorgio nella laguna di Venezia verso una parabola situata su un balcone di Palazzo Ducale. La parabola è stata in grado di captare i due canali separati. La scoperta è suscettibile di avere un forte impatto sulle telecomunicazioni, perché potrebbe moltiplicare i canali a disposizione per ogni singola frequenza radio. Secondo Tamburini, si potrebbero ottenere 55 canali nella stessa banda di frequenza. Questo significa che le frequenze su cui possono diffondere trasmissioni radiotelevisive potranno moltiplicarsi enormemente, con diminuzione dei costi e maggiori possibilità di andare a occupare l'etere. Gli studi relativi sono stati effettuati dai ricercatori italiani dell'ateneo patavino (con Tamburini hanno lavorato Antonio Bianchini, Elettra Mari, Filippo Romanato, Bo Thidé e Anna Sponselli), in collaborazione con un gruppo svedese dell'Angstrom Laboratory. La tecnologia appare già matura: ma occorrono finanziamenti per sviluppare le applicazioni. (TM News)
07/03/2012 08:40
 
NOTIZIE CORRELATE
Con ordinanza n. 592/2017 del 09/02/2017 pubblicata il 13/02/2017 il Consiglio di Stato sez. VI, accogliendo l'appello cautelare promosso da un operatore di rete lombardo, ha sospeso la sentenza del TAR Lazio n. 09658/2016 in ossequio alla quale erano state apportate dal Ministero dello Sviluppo Economico variazioni alla graduatoria di revisione delle frequenze televisive locali della Regione Lombardia di cui alla determina pubblicata sul sito il 13/07/2015 e modificata in data 25/11/2015.
Attraverso la delibera Agcom 40/17/CONS, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha disposto la sospensione del processo di implementazione dei cambi programmati di risorse frequenziali previsti dei vigenti Piani nazionali di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo terrestre in tecnica digitale, nelle more della ripianificazione complessiva delle risorse destinate al servizio di radiodiffusione sonora e televisiva.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
Il governo offre agli operatori di telefonia mobile la possibilità di prorogare l'uso delle frequenze in banda 900 e 1800 MHz fino al 31/12/2029, ma a condizione di versare allo Stato circa 2 miliardi di euro anticipati e in una unica soluzione.