Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. Terminata la fusione fra Wind e 3

Ha oggi tre giorni di vita la Wind Tre Spa, azienda nata dalla fusione di Wind e 3 divenuta effettiva il 31/12/2016, e primo operatore del settore mobile con 31 mln di utenti attivi.
Le due società, che erano rispettivamente di proprietà della russa Vimpelcom (Wind) e della cinese Hutchinson (3), avevano annunciato la fusione nell’agosto del 2015; Maximo Ibarra è l’amministratore della nuova società, dopo diversi anni di esperienza nel settore maturati proprio in Wind. Ibarra, ha già annunciato che la nuova società prevede una spesa di circa 7 mld in “infrastrutture digitali”, probabilmente a causa degli asset ceduti per accontentare il garate europeo per la concorrenza; inoltre, ha proseguito l’a.d, la società da lui guidata punta ad essere “un operatore di riferimento nell’integrazione fisso-mobile e nello sviluppo delle reti in fibra di nuova generazione, anche grazie all’accordo con Enel Open Fiber per la realizzazione della rete in banda ultralarga in Italia”. Nella prima fase di fusione i due marchi resteranno distinti, così come le offerte commerciali, i negozi e i siti internet (anche se il sito del nuovo operatore è già disponibile all’indirizzo www.windtre.it); l’unica cosa che cambierà per i clienti, dunque, sarà l’aspetto tecnico, in quanto entrambi gli operatori potranno contare sulle reciproche reti mobili, fornendo quindi una copertura più estesa. Si attende, nel frattempo, il debutto di Free, l’operatore francese che dovrebbe entrare nel mercato attraverso le acquisizioni fatte grazie alle pressioni dell’Antitrust. (E.V. per NL)

03/01/2017 12:59
 
NOTIZIE CORRELATE
Tempi certi, ma solo per finta: così si può riassumere la relazione approvata dalla commissione industria del parlamento europeo e redatta dalla vicepresidente Patrizia Toia e che, sostanzialmente, chiede la possibilità di ritardare le tempistiche previste dall’Unione per la cessione delle frequenze della banda 700 MHz dalle televisioni alle telco.
Il governo offre agli operatori di telefonia mobile la possibilità di prorogare l'uso delle frequenze in banda 900 e 1800 MHz fino al 31/12/2029, ma a condizione di versare allo Stato circa 2 miliardi di euro anticipati e in una unica soluzione.
La Commissione Europea ha presentato una nuova proposta per l’abolizione dei sovrapprezzi sul roaming all’interno della Comunità entro giugno 2017, dopo aver scartato la precedente a causa delle diverse lamentele.
Il Governo ha bisogno di soldi e per ottenerli pensa di proporre al Parlamento l'inserimento nella nuova legge di bilancio di una delega legislativa per la predisposizione di una asta competitiva per l'assegnazione di frequenze per il potenziamento della telefonia 4G.
Ha avuto vita breve la proposta della Commissione Europea per introdurre il roaming gratuito all’interno dei paesi della comunità europea entro la metà del 2017, già ritirata nella notte fra l’8 e il 9 settembre.