Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Tlc. Vicino l’accordo Stato-Regioni sulla banda ultra larga

L’incontro di domani stabilirà la ripartizione delle risorse sbloccate dal Fondo Sviluppo e Coesione. Dopo il no alcune regioni, indiscrezioni danno l’accordo come più vicino.
Fissata per domani la Conferenza Stato-regioni, che verterà sulle modalità d’utilizzo delle risorse provenienti dal Fondo Sviluppo e Coesione, destinate alla banda ultra larga in Italia. La riunione di settimana scorsa aveva fatto storcere il naso a Puglia, Valle d’Aosta e Campania, che si erano imposte per rinviare la decisione alla riunione di domani. Stando ai rumors che aleggiano intorno all’incontro, tuttavia, l’accordo sarebbe vicino: in tal senso sarebbe stato fondamentale il colloquio avvenuto tra il Sottosegretario per gli Affari regionali e le Autonomie Gianclaudio Bressa e l’assessore allo Sviluppo Economico della regione Puglia, Loredana Capone. A sollevare più perplessità era stata proprio la regione Puglia, contrariata dalle modalità di smistamento dell’Fsc; il fondo, che avrebbe dovuto essere ripartito per l’80% alle regioni del Sud e per il restante 20% al resto d’Italia, è stato invece destinato alle regioni del Centro e del Nord-Italia. Un danno che Loredana Capone stima intorno ai 639 milioni di euro, ritenuti quindi necessari per portare a termine il Piano sulla base degli obiettivi fissati per il 2020. Stamane a Roma si è riunita la Commissione speciale per l’Agenda digitale, banco di prova per l’incontro dell’11 febbraio: il Governo dovrebbe dirottare le risorse del Fondo (che ammontano a 2,2 miliardi di euro) verso aree del Paese dove è più impellente il bisogno di banda ultra larga. Operazione con la quale le regioni diventerebbero “azioniste” quotate di una sorta di “newco” partecipata della banda ultra larga, in comproprietà con lo Stato. (G.C. per NL)
11/02/2016 08:51
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.