Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
TLC. Wind: Bessada. Se Agcom taglia tariffe a rischio nuova rete 4G
 'La riduzione delle tariffe di terminazione e' giusta ma deve essere graduale e tenere conto degli investimenti che abbiamo appena effettuato per comprare le frequenze Lte. Indicendo un'asta che ha fruttato piu' di 4 miliardi, in un momento come questo, l'Italia ha fatto la scelta di sviluppare l'Agenda digitale puntando sulla tecnologia mobile. L'AgCom ne deve tenere conto''.
E' quanto ha dichiarato al Corriere della Sera Ossama Bessada, amministratore delegato di Wind e vice presidente esecutivo per Nord America ed Europa di VimpelCom. Le parole dell'ad di Wind arrivano alla vigilia della decisione dell' AgCom di tagliare, o meno, le tariffe che le compagnie di telefonia fissa riconoscono a quelle mobili per le telefonate originate sulla loro Rete. In gioco, spiega il numero uno di Wind ''non c'e' una riduzione dei prezzi finali ma lo sviluppo della Rete mobile ultraveloce''. ''Se l'Authority dovesse accelerare il taglio - spiega Bessada - saremo costretti a ricalibrare gli investimenti''. L'amministratore delegato di Wind crede che ''nell'interesse dei consumatori e degli operatori, sia piu' importante sviluppare la nuova Rete affinche' si arrivi ad avere Internet piu' veloce, piu' dati agli stessi prezzi di oggi. Questo e' un vantaggio vero. Al contrario ci sarebbe una distruzione di valore per tutti''. ''Sarebbe piu' corretto - prosegue - rinviare la decisione sulla discesa delle tariffe alla fine del 2012 dopo aver monitorato il mercato. Non capisco il perche' questa fretta''.  'Il mio auspicio - conclude Bessada - e' che l'Agcom prenda una decisione guardando al contesto dell'industria e non alla politica. Un'Authority deve essere indipendente dalle pressioni. Anche se arrivano da Bruxelles''. (ASCA)
 
 
16/11/2011 09:50
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
Cresce il settore delle telecomunicazioni, guidato dai cosiddetti millenials: questo lo scenario delineato dalla ricerca firmata Unioncamere sulle imprese start-up dello scorso anno. Dai dati trasmessi, al 31 dicembre 2016 risultano registrate 2181 imprese di telecomunicazioni (e di servizi di accesso Internet) con un numero di nuove iscrizioni pari a 236; su 100 aziende del settore, il 52,4% vede come leader un under 35.
Ha oggi tre giorni di vita la Wind Tre Spa, azienda nata dalla fusione di Wind e 3 divenuta effettiva il 31/12/2016, e primo operatore del settore mobile con 31 mln di utenti attivi.
L'Agcom ha avviato una consultazione pubblica concernente modifiche ed integrazioni del Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa di cui alla delibera n. 8/15/CIR e successive modificazioni, in relazione all’uso dei codici 455 di cui all’articolo 22.